Ricetta minestra di broccoli alla romana

TEMPO PREPARAZIONE E COTTURA:

1 0RA E MEZZA

PER PORZIONE:

CALORIE 430

PREPARAZIONE

Dividete i broccoli in piccoli pezzi, poi lavateli.

Preparate un battuto di lardo con uno spicchio di aglio che metterete in una casseruola.

Unite dello strutto e lasciate rosolare per qualche minuto.

Aggiungete un cucchiaio di salsa di pomodoro, i pezzi di broccolo, due bicchieri di acqua, salate e pepate.

Lasciate quindi cuocere il tutto a fuoco lento.

Intanto raschiate bene le cotenne e mettetele sul fuoco in una casseruola coperte di acqua, fatele bollire per un minuto, poi scolatele e tagliatele a striscioline.

Poi rimettetele sul fuoco con dell’altra acqua, facendole bollire sino a cottura quasi completa.

Quando i pezzetti di broccolo saranno ancora duretti, unite le cotenne, con il loro brodo e continuate la cottura per altri dieci minuti.

Assaggiate e nel caso salate. Appena la minestra riprenderà il bollore, aggiungete gli spaghetti spezzati: dovrà risultare piuttosto densa.

È una ricetta questa un pochino dimenticata, che appartiene però alle più antiche tradizioni romane.

DOSI PER 4 PERSONE

INGREDIENTI

400 g. di cavolbroccolo

200 g. di spaghetti

100 g. di cotenne di lardo

1 spicchio di aglio

1 cucchiaino di strutto

parmigiano grattugiato

salsa di pomodoro

sale – pepe

VINI CONSIGLIATI

FRIULI GRAVE BIANCO

CHIANTI (montespertoli/rufina)

FRASCATI (Lazio)

FRIULI GRAVE BIANCO

Aree di produzione: Friuli Venezia Giulia provincia PD/ UD – caratteristiche: fermo – abbinamento consigliato: TUTTO PASTO – colore: paglierino più o meno carico – odore: gradevole fine – vitigni: una o più varietà fra chardonnay, pinot bianco, pinot grigio, tocai friulano, sauvignon – sapore: armonico vellutato asciutto – gradazione alcolica minima 10,5°.

CHIANTI (montespertoli/rufina)

Aree di produzione: Toscana zona del Chianti – obbligatorio fino al 1 giugno dopo la vendemmia quindi fino a 5 anni – caratteristiche: fermo – abbinamento consigliato: TUTTO PASTO, CARNI BIANCHE – colore: rubino vivace al granato con l’invecchiamento – odore: intensamente vinoso con profumo di mammola fine con l’invecchiamento – vitigni: sangiovese (75%-100%) canaiolo ( 0-10%) trebbiano toscano e/o malvasia del chianti (0-10%) altre (0-10%) – sapore: asciutto armonio sapido leggermente tannico asciutto – gradazione alcolica minima 12°.

FRASCATI (Lazio)

Noto sin dall’antichità, questo vino è molto diffuso e lo si consiglia con numerosi piatti: antipasti leggeri, minestre asciutte o in brodo non piccanti, piatti a base di uova e formaggio, cervella, ecc. Colore giallo dorato con riflessi verdognoli; profumo pieno e intenso; sapore asciutto; gradazione alcolica 12° circa. Servite fresco a 10-12°.