Ricetta vitello al curry

TEMPO PREPARAZIONE E COTTURA 2 ORE

PER PORZIONE:

CALORIE 190

PREPARAZIONE

Iniziate facendo rosolare in abbondante burro la cipolla tritata e la mela sbucciata e tagliata a dadini.

Aggiungete in seguito la carne di vitello tagliata a pezzi leggermente infarinati e due chiodi di garofano; fate rosolare per bene e abbassate la fiamma.

Diluite intanto in poca acqua fredda la farina e la polvere di curry aggiungendole alla carne in cottura.

Allungate ancora con del brodo e lasciate cuocere pianissimo per circa un’ora e mezza.

A fine cottura quando la carne risulterà ben tenera, unite il succo di mezzo limone e salate. Il pepe è superfluo data la presenza del curry che è assai piccante.

L’accompagnamento ideale di questo piatto sarebbe una chutney di mele, una salsa importata dall’India durante la dominazione inglese, ottima per accompagnare arrosti e lessi, una via di mezzo tra una marmellata e la mostarda, ma con in più aggiunte aromatiche. Il vitello al curry va servito bollente e può essere comunque accompagnato da un buon purè di patate al quale è consigliabile aggiungere una grattatina di noce moscata per renderlo più profumato.

DOSI PER 4 PERSONE

INGREDIENTI

1 kg. di noce di vitello

1 cipolla

1 mela renetta

2 chiodi di garofano

2 cucchiai di farina

1 cucchiaino di curry

il succo di mezzo limone

burro, sale, brodo

VINI CONSIGLIATI

CARMIGNANO RISERVA

CHIANTI CLASSICO COLLI FIORENTINI

AL DI CORNIA ROSSO RISERVA

CARMIGNANO RISERVA

Aree di produzione: Toscana – affinamento: 3 anni obbligatori quindi fino a 6 anni ed oltre caratteristiche: fermo – abbinamento consigliato: ARROSTI, CARNI ROSSE, SELVAGGINA, FORMAGGI STAGIONATI – colore: rosso vivace intenso al granato con l’invecchiamento – odore: vinoso intenso anche di mammola fine con l’invecchiamento – vitigni: sangiovese (45%-70%) canaiolo nero (10%-20%) cabernet franc e/o cabernet sauvignon (6%-15%) trebbiano toscano e/o canaiolo bianco e/o malvasia del chianti (max 10%) altre (0-5%) – sapore: asciutto sapido pieno morbido vellutato armonico asciutto – gradazione alcolica minima 12,5°.

CHIANTI CLASSICO COLLI FIORENTINI

Aree di produzione: Toscana – affinamento: obbligatorio fino al 1 giugno dopo la vendemmia quindi fino a 5 anni ed oltre – caratteristiche: fermo – abbinamento consigliato: ARROSTI, CARNI ROSSE, SELVAGGINA, FORMAGGI STAGIONATI – colore: rubino vivace al granato con l’invecchiamento – odore: intensamente vinoso intenso anche di mammola fine con l’invecchiamento – vitigni: sangiovese (75%-100%) canaiolo nero (0%-10%) trebbiano toscano e/o malvasia del chianti (0-10%) altre (0-10%) – sapore: asciutto, sapido, armonico, leggermente tannico, morbido, vellutato con l’invecchiamento asciutto – gradazione alcolica minima 12°.

AL DI CORNIA ROSSO RISERVA (zone di produzione)

Aree di produzione: Toscana – affinamento: 3 anni obbligatori quindi fino a 5 anni ed oltre – caratteristiche: fermo – abbinamento consigliato: CARNI ROSSE, SELVAGGINA, FORMAGGI STAGIONATI – colore: rubino intenso limpido brillante – odore: vinoso delicato – vitigni: sangiovese (70%-100%) canaiolo nero e/o ciliegiolo e/o cabernet sauvignon e/o merlot (0-15% per ciascuno di essi) – sapore: asciutto armonico vellutato di buon corpo asciutto – gradazione alcolica minima 12,5 °.