Le ricette che abbiano potere disintossicante dovrebbero essere cucinate nell’arco di tutto l’anno: tuttavia, d’estate, assumono un particolare valore, poiché garantiscono il benessere psicofisico, combattono la ritenzione idrica e aiutano a eliminare le tossine. In più permettono di non avvertire eccessivamente il caldo, cosa che avrà positive ripercussioni sulla pressione e sulla sudorazione.

In estate, le ricette disintossicanti dovrebbero prevedere l’abbondante consumo di verdure fresche, legumi e cereali, in particolare riso tradizionale e riso basmati.

Il riso basmati, tra tutti gli altri tipi di riso, è quelli con minor contenuto di lipidi. Viene utilizzato sia al posto della pasta, sia al posto del pane. Il riso basmati con verdure è un piatto leggero, che può essere gustato senza appesantire la digestione. Possono essere mescolate tutte le verdure di stagione a proprio piacimento. Si deve far saltare in padella cipolla e olio, a cui aggiungere, tagliati a dadini, zucchine, melanzane e peperoni. Quando le verdure saranno appassite, si potranno aggiungere il pomodoro e il sale per completare la cottura.

Il riso basmati ha un sapore inconfondibile e particolare. Se non piace, si può sostituire con il classico riso, che, allo stesso modo, disintossica l’organismo, regola l’apparato gastrointestinale, favorisce la digestione e non appesantisce. Possiamo preparare un’insalata di riso con erbe aromatiche, un piatto davvero leggero. La ricetta è semplicissima: occorre procurarsi a piacere alcune erbe aromatiche, quali maggiorana, mentuccia, erba cipollina, finocchio, lauro, timo – c’è l’imbarazzo della scelta! – e mettere tutto in un frullatore assieme a sale, pepe e a un filo d’olio. La salsa ottenuta dovrà essere utilizzata per condire il riso.

Una zuppa di cereali e legumi di sicuro aiuterà nell’intento di disintossicare l’organismo. Basterà munirsi di un cucchiaio di fagioli, uno di ceci, uno di farro e uno di orzo. Bisogna innanzitutto far appassire la cipolla assieme all’olio, a cui andranno aggiunti farro e orzo. Dopodiché si deve aggiungere il brodo vegetale, i ceci e i fagioli. La zuppa può essere insaporita con rosmarino, salvia o basilico a proprio piacimento.

Ai fagioli, ad esempio, è possibile accompagnare il riso anziché la pasta, rendendo il piatto più leggero. Nella zuppa di fagioli e riso non bisogna dimenticare di aggiungere sedano e carote a cubetti e, alla fine, insaporire il tutto con il basilico. Se si vogliono realizzare minestroni più leggeri, bisogna evitare di fare il soffritto: basterà bollire subito tutte le verdure e solo a fine cottura aggiungere un filo di olio crudo.

Se in estate il minestrone può sembrare eccessivamente caldo, lo si può servire freddo. Pomodori, fagioli, fagiolini, carote, sedano, patate e zucchine devono essere bolliti in una pentola d’acqua. a essi vanno aggiunti il sale, odori vari e l’olio alla fine. Quando le verdure saranno cotte, si può far raffreddare il minestrone a temperatura ambiente, oppure lo si può conservare in frigorifero fino al momento di servire in tavola.

Fonte: Tgcom.