La carne di maiale è tra le più usate in cucina: è una cultura da custodire e da riscoprire, la sensazione di tornare tra saperi e sapori genuini, nati dal contatto più puro con la terra, i suoi frutti, il suo mondo animale e le sue preziose tradizioni.

Se siete degli appassionati allora vi interesserà sapere che nei locali del Tipico Di Casa Spigaroli, negli spazi del ristorante Cavallino Bianco diPolesine Parmense (PR), si terrà ogni venerdì, sabato e domenica, fino al 28 febbraio 2014, un laboratorio gastronomico davvero interessante, “Maialando… Maialando”. Nell’ambiente rustico in stile trattoria evoca l’universo contadino dei nonni voluto da Luciano Spigaroli, fratello dello chef Massimo, la rassegna gastronomica trasporta gli ospiti in una scorpacciata d’autore tra prelibatezze a base di carne di maiale, realizzate seguendo le più rustiche consapevolezze contadine.

Per cominciare, verrà servito salame strolghino di Culatello, ciccioli e cicciolata con la polenta abbrustolita e i bottoni da pagliaccio. Primi piatti a base di tagliatelle con la pasta di salame fresco, riso con le verze matte e la salsiccia. I secondi vedono il trionfo della mariola con le lenticchie, le cotiche con i fagioli, il fegato con la reticella e le costine brasate con polenta. La testa, le ossa e i piedini bolliti con il sale grosso. Il dolce è il semifreddo creato dalla sapienza culinaria della zia Emilia. Il vino è il Rosso del Motto vivace Antica Corte. E per finire, c’è il caffè del “masalèn” carrè di maiale, ecco come si prepara.

Il prezzo dell’intero menu di “Maialando… Maialando” è di 39 euro a persona, tutto compreso. L’orario per i giorni infrasettimanali e festivi è alle 20.30, per i festivi alle 12.30. I giorni dell’evento gastronomico sono il 17, 18 e 19 gennaio, e il 7, 8, 9 – 14, 15, 16 – 21, 22, 23 e 28 febbraio.

photo credit: delphaber via photopin cc