Richard Gere, il celeberrimo attore di “American Gigolò” e “Pretty Woman”, per la prima volta ha provato la sensazione di non essere riconosciuto per strada. Sembra assurdo ma è quello che è successo qualche giorno fa al povero divo hollywoodiano che, vestendo i panni di un senzatetto per le strade di New York, non è stato notato da nessuno dei passanti.

L’attore, sfoggiando una barba lunga, un paio di pantaloni color kaki e delle scarpe consumate, in verità era impegnato nelle riprese del suo ultimo film “Time Out Of Mind“, la storia di un homeless che cerca di riprendere i rapporti con la figlia con cui ha perso ogni contatto. Seduto su di un marciapiede della città Gere ha notato che, vestito in modo trasandato, nessuno lo ha degnato neanche di uno sguardo, nonostante la sua popolarità. Amareggiato dall‘indifferenza di quella stessa gente che, invece, lo acclama quando sfoggia i suoi abiti migliori sui red carpet di tutto il mondo, l’attore senza peli sulla lingua ha lanciato così uno sfogo personale sulla sua pagina Facebook:

“Ho capito allora cosa significhi essere un senzatetto. La gente mi passava accanto dandomi un occhiataccia. Solo una donna e’ stata gentile e mi ha portato qualcosa da mangiare. È stata una esperienza che non scordero’ mai“.

Insomma, una brutta esperienza per la star di Hollywood che, però, è riuscita a trarne un insegnamento importante trasformandolo in un bel messaggio di solidarietà:

“Non dobbiamo dar per scontate le nostre benedizioni. Se qualcuno ha bisogno di aiuto dobbiamo darglielo. Ecco perché dopo sono andato in giro a dare cibo e cento dollari a ogni senzatetto che vedevo. Il cambiamento che vuoi nel mondo deve partire da te”.