Slitta dal 31 marzo al 30 giugno 2012 il termine per la presentazione della domanda per il riconoscimento del requisito di ruralità agli immobili che fanno parte di un’azienda agricola.

Il riconoscimento del requisito di ruralità degli immobili è necessario per non pagare l’Ici 2011. Nel 2012, invece, anche gli immobili rurali pagheranno l’Imu. Pertanto entro il 30 novembre gli immobili rurali ancora iscritti al Catasto terreni dovranno essere iscritti al Catasto edilizio urbano, in modo che venga loro attribuita una rendita e che si possa definire l’imposta municipale (IMU) da pagare dal 2012.

La domanda può essere presentata direttamente dal titolare che abbia diritti reali sui fabbricati o mediante professionisti abilitati alla redazione degli atti di aggiornamento di catasto terreni e catasto edilizio urbano. Possono presentare la domanda anche le Associazioni di categoria degli agricoltori.

I modelli da utilizzare sono A, B e C del DM 14 settembre 2011, emanato dal Ministero dell’Economia e delle Finanze. La richiesta di riconoscimento della ruralità per i fabbricati va effettuata mediante presentazione di una specifica domanda, redatta conformemente al modello A e compilata preferibilmente attraverso le procedute telematiche messe a disposizione dall’Agenzia del Territorio.

Alla domanda devono essere allegate le autocertificazioni, redatte su modelli conformi al modello B se si tratta di abitazioni rurali e al modello C in caso di altre destinazioni strumentali. Con questa modalità è possibile ottenere in tempo reale l’assegnazione dell’identificativo numerico. Tutte la documentazione può poi essere trasmessa all’Agenzia del Territorio entro il 30 giugno.

Le domande possono essere consegnate anche direttamente all’ufficio provinciale dell’Agenzia del Territorio, in alternativa si possono inviare anche con raccomandata postale con avviso di ricevimento, oppure tramite fax o attraverso la posta elettronica certificata.