Altro che antidolorifici, il miglior metodo per farci sentire meglio e sopportare meglio il dolore fisico è ridere. Una bella risata è infatti fonte di {#salute} e {#benessere} e ha benefici ampiamente noti, come ad esempio quello di ridurre lo stress e purificare le vie respiratorie, ma non si sapeva che aumentasse il livello di endorfine, ovvero quelle molecole prodotte dal cervello che aiutano a controllare il dolore.

L’informazione proviene da uno studio condotto dalla Oxford University, coordinato dal biologo Robin Dunbar. Sono state monitorate e registrate le quantità di risate prodotte da alcuni individui intenti a guardare in TV dei video comici e queste sono state confrontate con quelle di altre persone che, al contrario, avevano visionato contenuti drammatici. È stata pertanto successivamente valutata la tolleranza al dolore dei due gruppi di persone attraverso prove fisiche ed è emerso come chi aveva riso di più, sopportava meglio la sofferenza fisica.

Hanno dichiarato gli autori dello studio:

Ridere è fisicamente molto faticoso e tutto ciò che mette il corpo fisicamente a dura prova, innesca la produzione di endorfine come risposta naturale e parte del meccanismo di controllo del dolore.

Sono comunque le risate genuine ad avere un effetto benefico del genere, e non quelle finte. A quanto pare, l’innalzamento della soglia del dolore dovrebbe essere dovuto a un aumento della produzione di endorfine, che non possono essere misurate se non in modo invasivo poiché la barriera emato-encefalica le blocca nel sistema nervoso.

Gli studiosi sottolineano anche come una risata avrebbe avuto anche un ruolo importante nell’evoluzione umana, poiché avrebbe favorito la socializzazione fra i diversi individui. La risata è sociale, favorisce la vicinanza tra due o più soggetti e promuove i legami. Se in più aiuta anche a sentire meno dolore, pare chiaro come bisognerebbe fare di tutto per circondarsi di persone e cose materiali che diano una spinta al nostro buonumore.

Fonte: AGI.