Lavorare può dare enormi soddisfazioni sia a livello personale sia professionale: permette di avere introiti economici e se fatto bene motiva e rende più forti, tuttavia può al contempo essere anche una grande fonte di stress.

Essere troppo stressati fa male alla salute e alla psiche, ci rende irrazionali e ciò può comportare difficoltà anche in ambito lavorativo. Dunque, come ridurre lo stress sul lavoro e cercare di affrontare al meglio i compiti da svolgere? Innanzitutto bisogna capire come gestire il tempo che si ha a disposizione e migliorare le proprie capacità organizzative.

Magari è consigliato fare una lista quotidiana delle mansioni da portare a termine, chiedere aiuto ai colleghi quando si ha bisogno e cercare di concludere gli obiettivi prefissati senza andare oltre il tempo necessario. Fare tutto con calma e farsi dare una mano in caso di bisogno aiuterà ad affrontare meglio la giornata, e a ottenere i migliori risultati. Inoltre, bisogna smettere di fissare obiettivi irrealistici: l’impossibilità di portarli a termine sarà fonte di stress.

Se vi sentite sopraffatti dalla quantità di {#lavoro} che è necessario fare o se non siete d’accordo con l’opinione di qualche collega, respirate profondamente e cercate di rilassarvi. Fate le cose senza troppa pressione, o quantomeno non siate voi stessi a mettervi ansia addosso, e nel caso di disaccordo con il gruppo di lavoro cercate di comunicare bene con loro e chiarire la vostra posizione, rendendo noti i vostri motivi.

Fate più pause, anche allontanarsi per cinque minuti dalla scrivania dell’ufficio e prendere una bella boccata d’aria vi sarà d’aiuto, cosa che permetterà di ridurre il livello di stress in generale, non solo sul lavoro. Sorridete anche di più, perché ridere riduce lo stress e inoltre vi renderà più piacevoli anche agli occhi degli altri e ne conseguirà un migliore atteggiamento, più rilassato forse, da parte di tutti.

Imparate a ascoltare meglio i colleghi di lavoro: non arrabbiatevi se la loro opinione su una cosa è completamente opposta alla vostra, ma piuttosto ascoltate ciò che hanno da dire e capite se è possibile trovare qualche accordo. Non bisogna essere troppo assertivi ma al contempo è meglio evitare di essere troppo rigidi.

Fate in modo di lavorare in un ambiente adeguato, dunque è bene avere a disposizione una scrivania comoda, la giusta illuminazione, temperatura ottimale, livello di rumore basso evitando tutti gli altri fattori che potrebbero provocare stress al vostro corpo. Dormite anche quanto necessario, circa otto ore per notte, altrimenti il vostro livello di attenzione calerà e ciò avrà influenze anche nell’ambiente professionale.

Non vi fissate troppo con le piccole cose che non vanno: a volte, ci sono problemi di cui proprio non vale la pena preoccuparsi e altri che non si possono risolvere. Non perdete tempo nel cercare di sistemarli, poiché non avranno molta influenza.

Infine, trovate un mentore, qualcuno con cui parlare e che vi insegnerà qualche piccolo trucco sul lavoro, cosa che vi sarà sicuramente di aiuto, e passate più tempo con i colleghi e gli amici (anche fuori dal lavoro) più ottimisti: essere circondati da persone negative vi porterà al loro livello, cosa che provocherà molto stress.