Moda e trend: ritornano le righe. Qualche anno fa questa fantasia era tornata a imperare in moltissime collezioni, tanto che ogni donna ha almeno una gonna, una blusa, un paio di pantaloni a righe ancora nell’armadio, a seguito della tendenza. Ora le righe tornano in maniera assolutamente virale e spadroneggiano le collezioni dei principali stilisti per la prossima primavera-estate 2013. Tra gli stilisti che si stanno avvalendo delle righe per la bella stagione ci sono sicuramente Marc Jacobs, Dolce e Gabbana, Etro e Tommy Hilfiger.

La tradizione delle righe nasce negli anni ’60. A quell’epoca le righe entrarono di diritto nel mondo della moda nonostante fossero associate alle tenute di marinai e prigionieri. I completi da mare furono i primi a essere coinvolti in questo trend: dive indimenticabili e la first lady Jackie O furono le testimonial involontarie di questa tendenza e restano alla storia, come foto in bianco e nero che ne raccontano lo stile indimenticato e indimenticabile.

Sicuramente quest’anno sarà di moda, oltre alle righe tout court, anche il cosiddetto mix and match. Se ne erano già viste delle avvisaglie nella scorsa stagione, in particolare per quanto riguarda i collant, che hanno iniziato a mescolare pois, pied de poule e righe ad altre fantasie. Per cui via libera a fiori e righe, tessuti scozzesi delle più differenti fogge e righe, ma anche righe orizzontali e verticali mescolate insieme nello stesso completo. In questo modo anche abiti che tutte hanno sepolto nei propri armadi potrebbero acquistare una nuova vita e una nuova dignità.

Ma le righe non sono certo facili: bisogna infatti ricordare che le righe orizzontali ingrassano sempre, mentre quelle verticali, in particolare sui miniabiti e le minigonne fanno apparire più snelle. Se si hanno dei difettucci fisici, questi vengono amplificati e messi in evidenza dalle righe: giusto a titolo esemplificativo, una donna a pera non può permettersi di indossare una gonna a righe orizzontali, mentre una blusa potrebbe rendere le sue forme più armoniche. Il contrario avviene invece per le donne a mela. Anche i colori devono ricevere la giusta importanza: se si ha una carnagione da rossa o comunque molto chiara, meglio evitare il bianco, anche se mescolato in righe con altri colori, come il bianco e nero, a meno che non si sia raggiunta un’abbronzatura dorata e ottimale.

=> Scopri il trend dell’optical

Fonte: Il Messaggero