L’ultimo bollente video di Rihanna, “S&M”, a distanza di due settimane non smette di accendere polemiche. Dopo essere stato bandito in 11 stati e censurato dalle radio perché troppo provocante, ora è il fotografo David LaChapelle a prenderlo di mira, ma per tutt’altro: sarebbe infatti un plagio del suo stesso lavoro.

Il fotografo di moda, che ha lavorato tra gli altri per Rolling Stone, GQ e Vanity Fair, è talmente sicuro che Rihanna si sia molto più che semplicemente ispirata al suo lavoro, che ha presentato una denuncia al tribunale di New York proprio ieri, dove si legge:

Galleria di immagini: Rihanna contro David LaChapelle

“Il video musicale deriva direttamente da ed è sostanzialmente simile ai lavori di LaChapelle”.

Il fotografo allega otto sue foto che si trovano quasi identiche nel video di Rihanna, e ha dichiarato che il suo lavoro artistico è stato copiato per quanto riguarda:

“Composizione, concetto, sentire, tono, umore, colori, oggetti di scena, scenari, arredamenti, guardaroba e luci.”

LaChapelle ha aperto una causa per danni non specifici. Il video è stato girato da Melina Matsoukas che è stata accusata di plagio già precedentemente: il video di Rihanna “Rude boy” sarebbe stato copiato dal video “Boys” di M.I.A., ma la querelle era finita in un nulla di fatto. Stavolta c’è di mezzo un fotografo di fama mondiale che è ricorso agli avvocati senza indugi. Chissà come andrà avanti questa storia.