Rihanna è originaria delle Barbados ed è tornata ai Caraibi per prendere parte ai festeggiamenti tradizionali locali del Crop Over Festival (il Carnevale delle Barbados), sfoggiando un costume di sua creazione.

Nella giornata di ieri, nelle bellissime isole cristalline si è tenuto l’annuale Crop Over Festival, celebrazione nata nel 1687 per festeggiare il raccolto (soprattutto di zucchero di canna): il festival è un caleidoscopio di musica, canti, strumenti musicali improvvisati e coloratissimi costumi con piume che ricordano la tradizione del Carnevale di Rio.

Rihanna ha colto in pieno lo spirito dei festeggiamenti sfoggiando un bikini incastonato di gioielli colorati di sua creazione che metteva in mostra il suo bellissimo fisico con le morbide curve. La popstar ha abbinato il costume a collant a rete con glitter, gioielli en pendant con il bikini da indossare alle braccia e sulle gambe, a una grande collana di pietre preziose e mega campanelle. Inoltre, la cantante di Umbrella ha scelto di completare il look indossando una parrucca turchese, in tinta con lo smalto, applique gioiello sulla fronte e una corona di piume coloratissime. Unico dettaglio casual: le scarpe, un paio di sneakers di Puma bianche di cui Rihanna è testimonial.

the @aura_experience caught by @dennisleupold #BARBADOS #cropover2017 #culture

Un post condiviso da badgalriri (@badgalriri) in data:

L’interprete di Diamond ha condiviso le foto del suo look su Instagram, prima di prendere parte alla parata del Kadooment Day, evento più importante del Crop Over Festival. Inizialmente celebrato nel periodo coloniale per celebrare il raccolto di canna da zucchero, il festival venne interrotto negli anni ’40 in seguito al crollo della produzione di zucchero e allo scoppio della seconda guerra mondiale.

crawpova '17 #AuraForCropOva @aura_experience

Un post condiviso da badgalriri (@badgalriri) in data:

Il Crop Over Festival è stato reintrodotto alle Barbados nel 1974 e altri elementi della cultura locale sono stati inseriti nelle celebrazioni, portando all’attuale conformazione della manifestazione, molto più folkloristica e bizzarra di un tempo. Oggi è infatti una kermesse in grado di attirare migliaia di visitatori da tutto il mondo, attratti non solo dalle location paradisiache che i Caraibi offrono.