Rihanna, con il suo “We found love”, è stata bandita dalle televisioni francesi almeno fino alle 22, a causa delle immagini di un rapporto distruttivo fatto di droghe, abusi e furti. E dire che non è nemmeno uno dei suoi video più provocatori.

Anche se certamente c’è un po’ di tutto questo, in “We found love“, dove Rihanna e Dudley O’Shaughnessy, il pugile e modello con cui è uscita anche dopo le riprese del video, si vedono fare sesso in una stanzetta piena di pasticche, ridotta a un cumulo di immondizia dopo bagordi appena immaginabili.

Galleria di immagini: Rihanna e Dudley O'Shaughnessy

I due poi litigano furiosamente, rubano in un supermercato, fumano e ballano sotto l’effetto della droga, finché Rihanna non se ne va per una lite di troppo. E secondo la regista del video, Melina Matsoukas, è proprio quello il messaggio di tutto:

«Adoriamo ovviamente fare cose provocatorie, proviamo sempre a spingere i limiti. Penso che alla fine non c’entri per niente con la violenza domestica. È semplicemente sull’essere tossico, sono entrambi in questo viaggio della droga, ma credo che c’entri anche trionfare sulle proprie debolezze: lei lo lascia.»

Perché l’accusa dell’autorità francese degli audiovisivi è proprio quello di legittimare un comportamento disturbato, cosa che, insiste la regista, Rihanna non sta affatto facendo:

«Non sta cercando di glorificare quel tipo di relazione. Le parti cattive, sono quelle che non vogliamo. Alla fine, lei che se ne va rappresenta andarsene via da quella vita. Droghe, dipendenza, tossicità, questo è quello che la porta nell’abisso e le porta molti rischi.»

Ma effettivamente rispetto all’altro video della stessa regista, “S&M” questo sembra all’acqua di rose.

Fonte: Mtv