È stato rinviato l’arrivo del nuovo canale di Rupert Murdoch, “Cielo“, che doveva approdare sul digitale terrestre proprio oggi.

Pare che il ritardo sia di natura burocratica, ovvero la mancanza dell’autorizzazione a trasmettere sul DTT, di solito concessa dal Ministero delle Comunicazioni.

Lo staff del canale, come si legge su TgCom, dichiara di non aver ancora ricevuto il via libera governativo per la trasmissione e, per questo, è stato costretto a rimandare l’apertura del palinsesto.

Gary Davey, direttore di Cielo, si giustifica spiegando che il canale era già stato autorizzato dall’Agcom per le trasmissioni sulla TV satellitare e che il ministero possiede già tutti i documenti necessari al rilascio dell’autorizzazione:

Eravamo convinti che il processo di autorizzazione per trasmettere sul Digitale Terrestre sarebbe stato finalizzato in breve tempo. Questo perché siamo in regola dal punto di vista legale, abbiamo inviato al Ministero tutti i documenti necessari e sulla base di quelli che sono gli standard di mercato.

Inoltre, sono amare le parole della produzione di “Cielo”, che sperava in un lavoro più efficiente da parte del Governo, visto che gli italiani sono stati praticamente costretti a passare alla TV digitale:

Avevamo anche pensato che l’arrivo di un nuovo canale gratuito sul DTT sarebbe stato gestito dagli uffici governativi con quella velocità, quell’efficienza e anche quei sorrisi che ha promesso in questi giorni il Ministro Brunetta.