Una bacca ci salverà dall’influenza. Contro i malanni autunnali la soluzione migliore viene dai giardini, dai boschi, da ogni ambiente naturale in cui lei può crescere in totale libertà. È la rosa canina ed è in grado di potenziare il nostro sistema immunitario. Raffreddamenti e influenze non saranno che un brutto ricordo.

Addio disturbi di stagione legati a freddo e umidità. Oggi ad aiutarci c’è un infuso naturale ottimale per questo periodo, ricco di polifenoli, carotenoidi e di preziosissima vitamina C. Con la rosa canina possiamo stimolare il drenaggio delle tossine e allo stesso tempo combattere più in fretta raffreddori, mal di gola e pure la tosse più fastidiosa.

Ma da sola non basta. Per massimizzare il suo effetto, la rosa canina va associata all’echinacea. Si tratta di un immunostimolante naturale, e le sue capacità sono note da lungo tempo. I primi a farne uso? Probabilmente gli sciamani pellerossa. La sua dote fondamentale è contrastare le infezioni virali. Tutto merito di uno dei suoi principi attivi, l’echinacoside, una molecola che assomiglia tanto a quella stessa sostanza prodotta dal nostro organismo per mettere i virus KO. Per non parlare della sua funzione antibiotica, seppure più contenuta.

L’integratore perfetto contro l’influenza è dunque un mix di rosa canina ed echinacea. Così le nostre difese raggiungono il top della loro efficienza, e novembre non fa più paura. Il consiglio è quello di assumerlo più volte ogni giorno, sotto forma di infuso. Ma perché è così importante? Il punto è che c’è dell’altro. Questa particolare miscela naturale non è soltanto un favoloso immunostimolante con proprietà antibiotiche e antivirali. Una volta unite, la rosa canina e l’echinacea migliorano anche l’attività dell’acido jaluronico, nientemeno che il primo meccanismo di difesa cutaneo contro l’invasione dei batteri. Così difendiamo la nostra pelle: dermatiti e lesioni guariranno più in fretta.

Questo infuso si rivela particolarmente importante nei periodi in cui sottoponiamo il nostro organismo a una cura antibiotica. Certi {#farmaci}, infatti, tendono ad aggredire la flora intestinale, ostacolando le naturali potenzialità di auto-guarigione del nostro corpo. L’integratore ci aiuta a limitare i danni: rosa canina ed echinacea, infatti, danno una sprint alla rigenerazione degli anticorpi e allo stesso tempo mettono un freno a eventuali complicazioni gastrointestinali provocate dagli antibiotici. Possiamo rinforzarci pure a ridosso di un vaccino: beviamolo già da una settimana prima, e facciamo lo stesso anche durante quella successiva.

Questo vero e proprio toccasana per affrontare al meglio la parte centrale dell'{#autunno} è anche facile da preparare. Basta versare una tazza di acqua bollente su due cucchiaini di frutti sminuzzati di rosa canina, reperibili in qualsiasi erboristeria, oppure su una bustina di tisana già preparata.

L’infusione deve durare quindici minuti, poi sarà sufficiente aggiungere una capsula di estratto secco di echinacea e un cucchiaino di miele, con l’aggiunta di un chiodo di garofano se si sta facendo i conti con tosse e raffreddore. Facciamoci del bene: manteniamo questa abitudine anche durante tutto l’inverno.

Fonte: TGcom.