Prendersi cura dei capelli non è sempre impresa facile. Le minacce alla loro salute, morbidezza e lucentezza possono arrivare dalle acconciature, dagli agenti atmosferici e dall’utilizzo di prodotti e cosmetici dannosi. Quello che molti non sanno, forse, è che curare i capelli significa prima di tutto prestare attenzione alla salute del proprio cuoio capelluto.

Maschere rigeneranti, shampoo specifici e trattamenti cosmetici possono migliorare l’aspetto e la salute dei nostri capelli ma, magari, non eliminare a monte quei problemi che, quindi, potrebbero ripresentarsi in qualsiasi momento. Un pizzico di informazione in più, perciò, può educare a una più sana cura dei capelli e del cuoio capelluto che, come sappiamo, si trovano spesso a dover fronteggiare le insidie della forfora.

Galleria di immagini: Cura dei capelli

La forfora, che altro non è se non l’eccesso di cellule morte che si staccano dalla pelle, rappresenta un disturbo del cuoio capelluto piuttosto diffuso e, soprattutto, decisamente antiestetico. Si presenta, infatti, sotto forma di scaglie bianche e secche che si depositano proprio sul cuoio, alla base del capello. Come rimediare?

I fattori che contribuiscono alla formazione della forfora sono molteplici, e vanno dai fattori atmosferici all’abuso di prodotti non indicati, passando per le cattive abitudini sulla cura dei propri capelli. Innanzitutto, è fondamentale lavare regolarmente i capelli con uno shampoo detergente e non aggressivo.

Quelli antiforfora in vendita sono, spesso, poco efficaci, perciò è preferibile utilizzare tutti quelli delicati e applicandoli massaggiando il cuoio capelluto con la punta delle dita. L’errore più comune consiste nell’utilizzare grandi quantità di prodotto tutto in una volta, credendo in qualche azione miracolosa man mano che si aumentano le dosi. In realtà, è un’azione del tutto errata così come quella di applicare gel, mousse e spray direttamente sul cuoio capelluto.

L’uso frequente di phon, piastre elettriche e arricciacapelli per ottenere le acconciature> più diverse è altamente sconsigliato. Gli agenti atmosferici, inoltre, giocano un ruolo molto importante ed è per questo che è necessario limitare l’esposizione dei capelli al vento e alla pioggia, ma anche dallo smog delle città e della sporcizia. In questi casi, può bastare coprirsi con un berretto o una sciarpa per limitare i danni.

I rimedi casalinghi, invece, sono semplici e facili da realizzare. Per cominciare, è bene lavare sempre i capelli con acqua a temperatura ambiente, mai troppo calda né troppo fredda, e massaggiare con cura il cuoio capelluto per migliorare la circolazione.

In caso del tipico prurito causato dalla forfora, si può applicare un trattamento a base di menta piperita o di olio caldo per calmare e raffreddare il cuoio capelluto. Può essere utile, infine, applicare del succo di limone su tutto il cuoio capelluto, lasciandolo agire per circa mezz’ora prima di effettuare il lavaggio.