Dopo il successo ottenuto lo scorso anno a Milano, arriva a Rinascente Roma, nel nuovissimo spazio di Via del Tritone, LR100 – Rinascente Stories of Innovation, la mostra sui 100 anni degli storici grandi magazzini italiani. Nella exhibition area del flagship store, fino al 27 febbraio, è possibile tuffarsi nella storia e scoprire l’evoluzione di Rinascente dal 1865 ai giorni nostri.

A presentare il nuovo allestimento, al fianco di Adriano Baffi, direttore dello store capitolino, Maria Canella dell’Università Statale di Milano, una delle curatrici della mostra insieme a Sandrina Bandera, ex Soprintendente e Direttore della Pinacoteca di Brera. A loro si deve la ricerca di molto del materiale, finora inedito, che è andato a creare i tasselli di questo racconto lungo ben più di un secolo.

courtesy: press office

“Rinascente ha permesso di realizzare un progetto lungimirante, che va al di là dei 100 anni della nascita del brand, ma che prende invece in considerazione il magazzino, inteso come vetrina di innovazione culturale e artistica di tutta Italia, iniziato già 4 anni dopo l’Unità di Italia“, ha spiegato la professoressa Canella durante la conferenza stampa di presentazione della mostra.

courtesy: press office

Il grande magazzino ha sempre avuto un forte legame con l’arte, il design e la creatività. Nel 1954 ha istituito il premio Compasso d’Oro, il primo dedicato al Design. Ha una storia fatta di collezioni firmate da Giò Ponti, vetrine progettate da Bruno Munari, loghi disegnati da Max Huber e Albe Steiner, campagne realizzate da Marcello Dudovich e, più recentemente, da Patrick Demarchelier, Greg Kadel, Scott Schuman. I suoi store sono sempre stati progettati da grandi architetti come Ferdinando Reggiori, Franco Albini e, negli ultimi anni, da Aldo Cibic, Rodolfo Dordoni, Flavio Albanese, India Mahdavi, Vincent Van Duysen e molti altri.

Quattro i percorsi espositivi: dal rack che consente al visitatore di consultare liberamente la ricca collezione di manifesti e bozzetti originali di proprietà di Rinascente, opera sopratutto del grande Marcello Dudovich, al video realizzato con materiali d’archivio, che permette di scoprire i fondamentali capitoli che Rinascente ha scritto nella storia della moda, della grande distribuzione e della comunicazione. In un totem sono riprodotti in miniatura alcuni tra gli allestimenti più suggestivi realizzati per il flagship store di Milano, in piazza Duomo, mentre una selezione di copertine e di servizi tratti dagli house organ e dai cataloghi è presentata in grande formato, così da restituire la ricchezza editoriale del grande magazzino. Inoltre un grande libro consultabile propone tutti i fascicoli del giornale aziendale, digitalizzati e pubblicati nel sito Rinascente Archives.

courtesy: press office

È l’archivio, d’altronde, consultabile gratuitamente online (https://archives.rinascente.it/it/) uno dei capisaldi del progetto: nato nel 2015, in occasione dei 150 anni della fondazione dei Magazzini Bocconi, avvenuta il 4 giugno 1865, ha l’obiettivo è ricostituire in digitale l’archivio dell’azienda andato quasi completamente perduto a causa delle varie vicende storiche, come l’incendio del 1918, i bombardamenti del 1943, i cambi di proprietà.

In occasione della celebrazione dei 100 anni del nome, ideato da Gabriele d’Annunzio nel 1917 sotto la proprietà di Senatore Borletti e la direzione aziendale di Umberto Brustio, si è voluto ricostruire l’identità de la Rinascente, attraverso la ricerca e la selezione, la riproduzione e la valorizzazione delle immagini e dei documenti relativi alla sua storia, conservati negli archivi e nelle biblioteche locali e nazionali.

Un lavoro, quello svolto, che ha permesso di mettere in scena come Rinascente sia stata e continui a essere una scuola di gusto e di estetica, non solo di moda. Un luogo dove celebrare le tre F – fashion, food, furniture – motore del Made in Italy, ad oggi ultima arma ha disposizione del nostro paese di rimanere competitivo nel villaggio globale“, ha aggiunto Maria Canella.

Edito da Skira è disponibile in vendita, al costo di  30 euro, il catalogo della mostra.

Via del Tritone. Aperta tutti i giorni dalle 9.30 alle 23.30. Ingresso libero. 

courtesy: press office