Riparte stasera su Rai Tre alle 21.10 “Novecento“, la nota trasmissione condotta da Pippo Baudo, che racconta gli anni e i personaggi più importanti nel secolo appena trascorso.

Il programma avrà una durata complessiva di sette puntate, per ognuna di esse sono previsti quattro ospiti d’eccezione. Quelli di stasera saranno Vittoria Belvedere, Dario Vergassola, Ludina Barzini e Gigi Moncalvo, mentre gli argomenti trattati nell’arco della puntata riguarderanno la dinastia Agnelli e Renato Pozzetto, il noto comico italiano di cui verranno mostrati gli esordi in coppia con Cochi Ponzoni.

Nell’imminente vigilia che ha preceduto il debutto della nuova edizione di “Novecento”, non sono mancate le polemiche. Durante la conferenza stampa di presentazione del programma, il noto conduttore televisivo ne ha approfittato per levarsi qualche sassolino dalla scarpa nei confronti della Rai.

Il conduttore si è detto convinto che la Rai non lo volesse più, nonostante le continue manifestazioni di affetto del pubblico. Baudo calca la mano sul comportamento poco rispettoso nei suoi confronti, sostenendo:

Quest’estate pensavo di aver chiuso, in Rai non mi volevano più, mi sono detto, ho fatto cinquantuno programmi, possono bastare, ma alla gente che mi ferma ancora per strada e ai giovani che mi chiedono l’autografo cosa dovrei dire? Possibile che nessuno abbia detto di Baudo che ne facciamo? Voi che in consiglio vi scannate per i telefilm non avete detto neanche una parolina su di me, è disumano nei confronti di chi ha ancora possibilità creative.

Infine, in riferimento alle note polemiche degli stipendi d’oro distribuiti in Viale Mazzini, Baudo dichiara di essere anche uno dei meno pagati all’interno dell’Azienda, percependo anche il 75% in meno rispetto ad altri conduttori.