Guardare la televisione fa male alla salute, accorcia la vita e aumenta il rischio di sviluppare diabete di tipo 2 del 20%, nonché del 15% di avere malattie cardiovascolari. Basterebbero due ore al giorno passate davanti allo schermo, secondo quanto svela uno studio condotto dall’Università americana di Harvard.

Il tutto si traduce in 38 casi in più di morte per malattie cardiovascolari all’anno e 176 casi in più di diabete ogni 100 mila abitanti. Non solo, aumentano del 13% le probabilità di morire prima dei 65 anni.

Perché guardare la TV porta tutte queste conseguenze negative sulla salute? Non è la televisione a essere di per sé un problema, ma piuttosto il fatto che piazzarsi comodi sul divano davanti allo schermo porta inevitabilmente a una vita più sedentaria, dunque aumenta il rischio di sovrappeso e obesità. Gli stessi rischi possono essere provocati da altre attività sedentarie, come ad esempio stare davanti al computer o giocare ai videogiochi, ma la TV è il passatempo più comune ed ecco perché dunque viene presto sotto mira.

Gli europei trascorrono infatti circa il 40 per cento del loro tempo libero davanti alla televisione, e ciò si traduce in più o meno tre ore al giorno di programmi televisivi. Ciò non va bene, poiché sia i bambini che gli adulti tendono in quel modo a mangiare cibi calorici e bere bevande gassate o alcoliche, come la birra ad esempio, tutte abitudini sbagliate che portano poi al sovrappeso.

Spiegano infatti gli autori della ricerca:

La TV influisce sulla salute in due modi: sottrae tempo che si potrebbe dedicare ad attività fisiche salutari e favorisce la cattiva alimentazione, perché chi sta davanti al televisore tende a mangiare più cibo spazzatura e a bere più alcool.

Via dunque quegli snack ipercalorici che tendiamo a mangiare quando stiamo guardando quel programma televisivo che tanto amiamo e preferiamo piuttosto una vita meno sedentaria che ci tenga in movimento. Una buona alimentazione correlata a un po’ di sana attività fisica fatta quotidianamente aiuterà ad abbassare il rischio di morire prima dei 65 anni e di sviluppare patologie che potrebbero segnare la nostra vita.

Basta poco per tutelarci: mangiare sano, con pochi zuccheri e grassi, e muoverci un po’. Basta una lunga camminata ogni giorno oppure una corsetta leggera per tenersi in forma e aiutare il corpo a mantenersi in buona salute.