Abbiamo già parlato dei vari accorgimenti per la riduzione dei consumi elettrici, ma un’attenzione particolare meritano anche gli impianti di riscaldamento e raffreddamento.

Ottimale l’impianto di riscaldamento con tecnologie che permettano di ottimizzare i consumi. Naturalmente, se è possibile, la soluzione migliore è rappresentata dalle tecnologie rinnovabili, come la geotermia, le pompe di calore, le biomasse e il solare termico.

Ma quando non è possibile, è comunque consigliabile non utilizzare sistemi alimentati elettricamente, ma installare una caldaia a gas e magari un modello a condensazione, non solo perché più efficiente ma anche perché ha gli incentivi dello Stato. In un condominio, indubbiamente conviene una caldaia centralizzata, a condizione che ogni singola unità abitativa abbia gli opportuni sistemi per regolamentare la temperatura e monitorare i consumi.

Per quanto riguarda il sistema di trasmissione del calore, un impianto a pavimento risponde perfettamente allo scopo. Se per vari motivi bisogna optare per i termosifoni, meglio preferire la ghisa all’alluminio.

Un controllo periodico della caldaia è assolutamente indispensabile, in quanto, oltre a ridurre i consumi, previene alti rischi e mantiene la temperatura degli ambienti non troppo alta. Si ricorda che abbassare la temperatura di un solo grado permette una riduzione dei consumi del 6% e, in ottemperanza alla legge italiana, bisogna evitare di riscaldare le camere al di sopra del 20 gradi centigradi.

Per quanto riguarda il raffrescamento, bastano semplici accorgimenti per ridurre i consumi: chiudere le finestre nelle ore più calde, soprattutto se sono direttamente esposte al sole; utilizzare ventilatori a soffitto o a piantana più che i condizionatori, perché consumano molto meno e consentono una climatizzazione più naturale e diffusa.

Se si preferisce usare un condizionatore, comunque, è consigliabile mantenere la temperatura a un livello non superiore ai 3-4 gradi di differenza con l’esterno. Per ridurre il grado di umidità e la sensazione di calore percepito nell’ambiente, talvolta può essere sufficiente utilizzare un deumidificatore. E infine, una buona ventilazione naturale nelle ore della sera e durante la notte può migliorare a costo zero il comfort della casa.