I ristoranti in cui cenare in due hanno delle caratteristiche ben precise. Spesso a una coppia piace esplorare nuovi orizzonti, ma non sempre scegliendo una località a caso e un ristorante a caso si riesce a trovare quello che si cerca. E solitamente si cerca romanticismo, magari luci soffuse ma non troppo (in fondo si deve anche vedere quello che c’è nel piatto), magari un paio di candele, tovagliato e portate eleganti, un tappeto musicale o forse, se è possibile, ancor meglio le onde del mare che si infrangono sugli scogli. E naturalmente non può mancare la buona cucina molto molto raffinata: si è mai assistiti a una dichiarazione d’amore di fronte a una pizza prosciutto e fichi?

Ecco quindi alcuni tra i ristoranti in cui si potrebbe cenare con il proprio partner, augurandosi magari che la serata di concluda tra le lenzuola o con tante coccole e sguardi maliardi. Uno di questi è La Zaffera, che si trova nel centro di Viterbo. L’ambiente è molto elegante, tanto che alcuni lo eleggono come luogo per il ricevimento di nozze. Si trova in un palazzo antico e ha anche un cortile esterno, in cui si può cenare con la bella stagione. I piatti che vengono offerti sono per lo più di carne, e il menu consta di ottimi primi della cucina tradizionale dell’alto Lazio, come i ravioli cacio e pepe, ma anche le fettuccine al ragù di cinghiale. Hanno anche una buona carta dei vini.

Se si preferisce il pesce e non la carne, la costa partnenopea è qualcosa di imprescindibile. Sul lungomare di Pozzuoli si trova infatti L’Antico Molo, ristorante all’aperto con riscaldamento sia per le sale interne che quelle esterne che si affaccia appunto sul molo. Il pesce, come in tutti i ristoranti del genere, è freschissimo, tanto che non esiste un menu, ma una cameriera consiglierà agli ospiti il pescato del giorno. Ottimo e abbondante l’antipasto, che prevede bruschette, frittura di paranza, ostriche ripiene di besciamelle, pepata di cozze, frittelle d’alghe con frittura di verdure, tra cui melanzane e fiori di zucca. Altrettanto buoni e abbondanti gli arrosti misti di pesce e crostacei. La carta dei vini presenta una quantità di vini bianchi di fattura locale, tra cui uno splendido Falanghina frizzante.

Infine, nell’estremo tacco d’Italia, nel Salento, sulla provinciale Giuggianello-Palmariggi, presso la collina di san Giovanni c’è Il Follaro. Dispone di una minuscola sala al chiuso, molto intima, mentre nella bella stagione, che a queste latitudini dura da aprile a novembre si può fruire un ampio prato esterno. Per accedervi però bisogna specificarlo nella prenotazione o si rischia di essere sistemati in un posto non esattamente panoramico. Il prato ha dei tavoli, ma anche dei comodi cuscini all’orientale. La cucina è quella tradizionale salentina e quindi prevede involtini di interiora di agnello, peperoni a salsa, pittole e pezzetti di cavallo.