Le sue foto sono celebri in tutto il mondo: Helmut Newton ha segnato un’epoca e, con la sua visione, ha rivoluzionato il mondo della fotografia e della moda. A dieci anni dall’inaugurazione e dalla morte dell’artista, la Fondazione Helmut Newton organizza una mostra eccezionale Presso il Museo di Fotografia di Berlino che è intitolata: “Permanent Loan Selection”.

Nato a Berlino nel 1920 in una famiglia borghese, Newton si interessò alla fotografia fin dall’età di 12 anni. In seguito alla proclamazione delle leggi razziali, si rifugiò a Singapore dove iniziò a lavorare come fotografo. Espulso dalle autorità britanniche a Sidney, nel 1945 cambiò il suo cognome da Neustädter a Newton e poco dopo sposò l’attrice australiana June Browne. Negli anni ’50 iniziò a lavorare con le più prestigiose riviste di moda: Vogue, Harper’s Bazaar, Elle, GQ, Vanity Fair e Marie Claire fino alla sua morte avvenuta nel 2004 in seguito a un incidente stradale (si è schiantato con la sua Cadillac sul muro del celebre Chateau Marmont, l’hotel che era stata anche la sua residenza).

In esposizione a Berlino quasi 200 immagini mostrate per la prima volta e suddivise in tre generi principali: ritratto, nudo e moda. Tra le foto, molti ritratti di personaggi famosi da Catherine Deneuve a Paloma Picasso, da Karl Lagerfeld a David Bowie e ancora Sigourney Weaver, David Lynch e Isabella Rossellini. Le immagini, sia a colori sia in bianco e nero, appartengono ai lavori fatti da Newton negli anni ’70 e ’80 per le più prestigiose riviste di moda mentre i nudi sono stati scattati a Parigi negli anni Ottanta. La mostra è visitabile fino al 17 maggio 2015 e rappresenta una tappa obbligata in caso di una visita nella capitale tedesca.

Galleria di immagini: Helmut Newton in mostra: Ritratti nudi e moda

Foto: Lobby der Helmut Newton Foundation, Berlin; copyright Stephan Müller