Nel corso della presentazione romana di “Manuale d’amore 3“, la presenza della star di Hollywood Robert De Niro ha catalizzato l’attenzione dei media, e nonostante fosse presente quasi l’intero cast al completo, i giornalisti si sono concentrati quasi solo ed esclusivamente sull’attore di origini italiane.

Robert de Niro è stato bersagliato da tantissime domande e a un certo punto è anche parso commosso, quando rispondendo a una domanda ha tirato in ballo le sue origini spiegando che:

Che devo dire, è bello tornare a casa e lavorare con attori italiani come lo sono un po’ anch’io…

Quando poi gli è stato chiesto cosa conosce del cinema italiano di oggi, e se in futuro ha intenzione di dedicarsi alla regia, l’attore ha risposto:

Non ne so quanto dovrei, ho visto “Il divo” e mi è piaciuto, avevo visto i “Manuali d’amore” ma avrei voluto vedere altri film di Giovanni… Poi Leone, Bertolucci Fellini, il cinema italiano glorioso quello lo conosco bene. Quando ti occupi di regia devi tenere sotto controllo tutto, richiede un grande spreco di energie.

Robert De Niro ha successivamente ammesso che per lui è stata una faticaccia recitare in italiano.

Ricordiamo che il noto e talentuoso attore interpreterà in “Manuale d’Amore” la parte di un professore americano di storia dell’arte, che arriva in Italia per superare un faticoso divorzio. Altri protagonisti del nuovo film di Giovanni Veronesi saranno anche Monica Bellucci e Michele Placido.