Secondo la prima regista della serie di “Twilight”, Catherine Hardwicke, tra Robert Pattinson e Kristen Stewart c’è stata un’attrazione immediata, amore a prima vista. Tanto che Kristen l’ha pregata di dare il ruolo di Edward a RPattz dopo averlo baciato nella prima audizione.

Catherine Hardwicke, impegnata ultimamente con il film “Cappuccetto rosso sangue”, ma più famosa per essere stata la regista di “Twilight” ha rilasciato un’intervista su Newsweek dove ha confessato dettagli che faranno felici tutti i fan della coppia Robert e Kristen.

Galleria di immagini: robsten

Hardwicke ha dichiarato di avere avuto dei problemi a trovare l’attore cui fare interpretare il vampiro Edward Cullen, nonostante avesse già trovato Bella. Finché non le è arrivato il curriculum di Robert, cui ha fatto fare un’audizione insieme a Kristen. E qui è scattata la scintilla:

“Ho guardato un paio di foto ma non ero sicura. Era stato licenziato dal lavoro precedente, era disoccupato, indebitato. Ho le riprese del loro [Rob e Kristen] primo incontro intorno al tavolo della mia sala da pranzo. Kristen era tipo: “Deve essere Rob”. Si è sentita legata a lui dal primo momento. Quell’elettricità, o amore a prima vista, o qualsiasi cosa fosse.”

Parole grosse, che dette dalla regista che è rimasta con i due attori per tutta la durata del primo film, fanno riflettere. Oltretutto, va avanti nelle confessioni. Perché, dopo avergli dato la parte, Hardwicke gli ha fatto fare una promessa abbastanza particolare:

“Devi capire che Kristen ha 17 anni. È minorenne. Devi concentrarti ragazzo o ti arrestano. L’ho fatto giurare sulla Bibbia.”

Per fortuna il tempo è passato ma l’alchimia tra i due è evidentemente rimasta. Tra l’altro sembra che ora la coppia sia nello stesso hotel a Vancouver per le riprese di “Breaking Dawn”, o meglio nella stessa stanza. Secondo una fonte interna dello Sheraton Wall Center Hotel di HollywoodLife:

“A loro piace ordinare la cena in camera invece che scendere al ristorante dell’hotel. Rob e Kristen sono entrambi moto gentili e carini.”