Robert Pattinson, mentre sta attraversando l’Europa in lungo in largo per promuovere il suo ultimo film Cosmopolis, ha dichiarato di essersi comportato per molto tempo come una femminuccia, anche se il termine che lui ha usato è un po’ più volgare. Ma che ora le cose sono cambiate.

Galleria di immagini: Robert Pattinson: première a Berlino

Robert Pattinson sta rilasciando infinite interviste per la promozione di Cosmopolis, il film che di fatto gli sta cambiando la carriera, e che potrebbe definitivamente lanciarlo tra le star britanniche non solo a uso e consumo delle adolescenti. E ora che ha compiuto 26 anni è arrivato al punto di svolta, con un nuovo mantra:

«”Non essere una femminuccia”. Fondamentalmente questa è la cosa migliore che puoi mai pensare. Ho avuto così tante occasioni nella vita dove mi sono comportato da femminuccia e me ne sono pentito. Hai visto il documentario su Tyson? Quel pezzo dove dice che avrebbe battuto il ragazzo prima di salire sul ring, è la stessa cosa. Con la recitazione, ero sempre spaventato. Ma arrivi a un punto in cui capisci che non importa.»

Ma Rob paura ne ha avuta ancora, prima e durante le riprese di Cosmopolis, dalla chiamata di David Cronenberg, per cui ha impiegato una settimana a dire sì al ruolo per timore di non essere all’altezza, fino al set:

«Ero terrorizzato in Cosmopolis. C’era una scena di sesso e io rabbrividivo. La ragazza era davvero a suo agio senza vestiti, e io no.»

Chissà se supererà mai l’imbarazzo per il nudo, atteggiamento così british e da cui non sembra poter sfuggire, da Breaking Dawn a Bel Ami, e ora questo.

Fonte: Shortlist