Solitamente, quando si pensa a personaggi del mondo dello spettacolo molto famosi, si crede che possano essere circondati da un’enorme quantità di amici, che non soffrano mai la solitudine e che abbiano sempre accanto coloro che più amano. Magari lo si pensa perché ci si mette nei panni dei fan e, del resto, si sa bene cosa e quanto si sarebbe disposti a fare pur di trascorrere un po’ di tempo con il proprio idolo.

Ma evidentemente non è così. Il popolarissimo attore Robert Pattinson, dopo il successo ottenuto con il primo capitolo della saga Twilight, una volta ritornato a Londra si è ritrovato con una vita sociale praticamente inesistente.

Con il passare del tempo e con l’esperienza, seppur quanto un giovane di 23 anni possa averne, Robert è riuscito a uscire da questa fase di solitudine e ha trovato l’appoggio di vecchi e nuovi amici, tra i quali figurano alcuni colleghi di lavoro, come la sua fidanzata Kristen Stewart e la sua partner in “Remember Me”, Emilie de Ravin.

Pare che sotto il fragile e dolce aspetto della bella Emilie si nasconda una ragazza tostissima, simpatica e di compagnia, afferma Pattinson, e sono caratteristiche queste che sembrano piacere al giovane attore. Tempo fa si vociferava di una possibile storia d’amore tra i due, ma alla fine si trattava solo di una semplice amicizia.

E, a proposito di amori e conquiste, Robert pensa che sia davvero difficile per chi è popolare e sull’onda del successo, trovare qualcuno che non cerchi di approcciarsi con lui solo per esibizionismo. Ma il giovane londinese ha un trucco per riconoscere l’autenticità delle persone: ascolta molto chi gli sta di fronte e parla poco di sé. In questo modo riesce ad avvicinarsi a chi è buono e gentile dentro, cercando al contempo di non ferire mai nessuno.

Beh, sicuramente non dev’essere facile fidarsi delle persone per una persona che ha così tanto successo. Successo che, evidentemente, non si aspettava nemmeno lui, come riporta Leggonline:

L’effetto di tutto ciò è più che altro terrificante. Il successo è una cosa in cui io sono letteralmente caduto dentro. Probabilmente se avessi lavorato duro per ottenerlo vedrei le cose in modo diverso, ma siccome non ho fatto nulla sono, come dire? Continuamente sorpreso.