Giovedì 21 luglio 2016 Robin Williams avrebbe compiuto 65 anni: sui social tantissime persone hanno voluto ricordare il prolifico attore americano che si è tolto la vita poco meno di due anni fa, l’11 agosto 2014. Tra i molti tributi, però, emerge il bel messaggio della figlia Zelda al defunto padre.

Zelda Williams ha deciso di rendere omaggio al padre su Instagram, condividendo sul suo profilo una foto in bianco e nero che ritrae Robin Williams mentre gioca abbracciando i suoi tre figli – Zach, Zelda e Cody. “Non so ancora bene cosa fare in giorni come questi”, ha scritto la ragazza ventisettenne commentando l’immagine, “so che non posso più farti un regalo, ma credo che questo significhi che io debba continuare a donarli a tuo nome invece”.

“Quest’anno, ho provato ad aiutare tre cause a cui tenevi molto: soccorrere i cani, le persone con disabilità e i veterani feriti del nostro Paese, quindi ho donato a freedomservicedogs.org. Loro si occupano di dare un riparo ai cani abbandonati e addestrarli affinché possano trovare qualcuno che abbia bisogno del loro aiuto o della loro compagnia. Ho pensato che ti avrebbe fatto piacere sapere che gli amici pelosi a quattro zampe possano aiutare a cambiare il mondo, un guerriero alla volta che arriva nel momento del bisogno”, ha continuato. Buon compleanno Poppo. Io, Shasha, Zakky e Codeman ti vogliamo bene e ci manchi da pazzi. Baci”.

Still not really sure what to do on days like today… I know I can’t give you a present anymore, but I guess that means I’ll just have to keep giving them in your name instead. This year, I tried to help three causes you cared about in one; rescue dogs, people suffering from disabilities, and our nation’s wounded veterans, so I donated to freedomservicedogs.org. They rescue pups from shelters and train them so that they can be paired with someone in dire need of their help and companionship. Thought you’d get a kick out of furry, four legged friends helping change the world, one warrior in need at a time. Happy birthday Poppo. Shasha, Zakky, Codeman and I all love you and miss you like crazy. Xo

Una foto pubblicata da Zelda Williams (@zeldawilliams) in data:

Tra meno di un mese ricorrerà anche il secondo anniversario della morte dell’attore, che si suicidò nella sua casa in California. Inizialmente si parlò del fatto che Robin Williams soffrisse di depressione, ma l’ultima moglie Susan Schneider ha successivamente rivelato che il comico soffriva di demenza da corpi di Lewy, una malattia neurodegenerativa strettamente correlata all’Alzheimer e al Parkinson e che può causare allucinazioni, perdita di memoria, depressioni, problemi nel movimento e visioni.

Robins Williams era uno degli attori più amati al mondo e da tutte le generazioni: diventato famoso per il ruolo di alieno nella serie tv Mork and Mindy, lo ricordiamo per averci fatto divertire interpretando un adulto Peter Pan in Hook – Capitan Uncino, per il suo ruolo in Mrs. Doubtfire, Jumanji e vestendo i panni del presidente Theodore Roosevelt nella trilogia di Una notte al museo. Tuttavia, Robin Williams non è stato solo un comico: indimenticabile il suo professor John Keating ne L’attimo fuggente, ma anche i suoi ruoli in Patch Adams e Will Hunting – Genio Ribelle, per cui ha vinto anche l’Oscar come miglior attore non protagonista.