Rocco Siffredi e Franco Trentalance commentano da esperti il porno girato da Sara Tommasi. Forse qualche donna gradirebbe essere al centro dell’attenzione di due così famosi amatori, ma stavolta la soubrette difficilmente apprezzerà quello che i professionisti dell’hard hanno detto: i due non hanno usato mezzi termini per bollare in modo negativo il film uscito qualche giorno fa. E ne hanno ben donde.

Galleria di immagini: Sara Tommasi porno

Rocco Siffredi e Franco Trentalance hanno infatti costruito un vera e propria carriera sul porno: si può dire che ne abbiano viste – e fatte – davvero di cotte e di crude e quindi parlano con cognizione di causa, anche se si tratta di un genere di cinema “minore”, in cui fotografia, dialoghi e regia vengono spesso sacrificati nel nome di altre urgenze dovute al target. Sara Tommasi accostandosi all’hard è letteralmente entrata in un ginepraio, in cui le critiche ora arrivano addirittura dagli addetti ai lavori.

Panorama ha chiesto ai due pornodivi cosa ne pensassero del porno di Sara Tommasi. Il primo a rispondere è stato Siffredi:

«Quel film non ha nulla a che vedere con l’hard. È squallido e senza senso.»

Chi ha visto il porno della Tommasi parla di quattro scene scollegate tra loro, in cui la soubrette si dà da fare dapprima da sola e poi in compagnia, tra scenari all’interno e verdi esterne. I dialoghi e i monologhi sono quantomeno risibili (celebre ormai la battuta d’apertura “Mi chiamo Sara Tommasi e ciuccio bene i vasi”, una rima davvero improponibile), e anche Trentalance non è stato clemente nel giudizio:

«Non voglio che il mio nome e quello di Sara Tommasi finiscano nella stessa frase.»

E se Siffredi ammette che la Tommasi abbia agito da professionista e non si sia certo mostrata di primo pelo nelle scene girate, Trentalance afferma di non averlo visto il porno: dalla critica al rifiuto preventivo il passo è breve. In fondo questa storia ha molto in comune con la politica. Qualcuno in questi giorni ha accostato la Tommasi ai politici inconsapevoli, quelli che ricevono case o finanziamenti “a loro insaputa”: in fondo anche lei, secondo quanto detto a Alfonso Luigi Marra, avrebbe girato un porno senza saperlo.

Fonte: PinkDNA.