Per celebrare la nascita di “Una giornata per domani”, la vigna didattico-sperimentale appena messa a dimora alle Surie, si terranno due concerti d’eccezione: quello degli Hollis Brown (21 giugno) e di Grayson Capps (19 luglio). Il comune denominatore saranno le “radici”, il profondo attaccamento e fedeltà alle origini. Ma anche di un progetto a lungo termine per consentire al domani di radicarsi fin da oggi in un territorio in cui le radici, nel senso detto sopra, sono molto.

Questo lo scopo della seconda edizione di Rock & the Wine, l’enofestival del “roots rock”, unico nel suo genere in Italia, che Clavesana Siamo Dolcetto organizza ogni anno sulle colline della Langa, nell’ex scuola elementare delle Surie trasformata dai vignaioli clavesanesi in vero e proprio “pensatoio” per lo studio, la sperimentazione,  la promozione del proprio vino. Il vigneto didattico-sperimentale, con varietà selezionate di Dolcetto, Nebbiolo e Pinot Nero servirà agli agronomi e agli enologi della cantina per la pratica e la sperimentazione della viticoltura del futuro: biologica, innovativa, rispettosa dell’ambiente e della tradizione e al tempo stesso moderna, propositiva, orientata al mercato, al sociale e alla qualità senza compromessi.

Proprio stasera, 21 giugno, giorno del solstizio d’estate noto per essere la notte più corta dell’anno, la musica delle radici sarà la vera protagonista dell’evento. Ad animare la serata a partire dalle 21 ci saranno gli Hollis Brown, band-rivelazione newyorkese recensita con “cinque stelle” dalla critica musicale di mezzo mondo. Oltre alla musica gli ospiti potranno degustare una cena a base di hamburger di Piemontese e Clavesana Dogliani docg.

photo credit: lanier67 via photopin cc