Che oggi fosse una giornata determinante per il destino dell’attuale Italia non vi erano dubbi, e in qualunque modo fossero andate le cose al Parlamento per il voto di fiducia all’attuale governo di Silvio Berlusconi, era piuttosto prevedibile che sarebbero state vere e proprie ore di caos nel Bel Paese. Parte del popolo italiano non ha reagito per nulla bene alla conferma del mandato dell’attuale Presidente del Consiglio, e si stanno registrando violentissimi scontri, soprattutto a Roma.

La capitale è infatti in queste ore teatro di cortei, sit-in, blocchi e tafferugli. Le tensioni tra gli studenti e le forze dell’ordine hanno portato purtroppo a un’esplosione di violenza, con lanci di petardi, bastoni, bombe carta, letame, sampietrini e sacchetti della spazzatura.

Dall’ingresso di via degli Astalli, la dura forma di protesta di è spostata a via del Corso e piazza del Popolo: 40 sono i feriti contati fino ad ora. Assaltate anche vetrine di negozi e banche da gruppetti di ragazzi col volto coperto da sciarpe e cappuccio nero in stile black bloc: gli stessi studenti hanno cercato comunque di bloccarli, ma il bilancio non è per nulla positivo.

La fiducia al governo Berlusconi ha scatenato una vera e propria guerriglia, con migliaia tra studenti universitari che hanno deciso di manifestare il proprio malcontento per come sono andate le cose stamattina in Parlamento. Il problema è che i disordini sono sfociati in veri e propri atti di violenza, che hanno coinvolto non solo il centro di Roma, ma anche zone quali Ostiense, Piramide, con persone arrivate con auto e treni anche dalle altre parti dell’Italia.

Una giornata, questa, che senza dubbio finirà per essere ricordata come uno dei momenti peggiori della politica italiana e del nostro Paese in generale. Le conseguenze sul prosieguo del mandato di Berlusconi probabilmente sono destinate a continuare, ma la città di Roma potrebbe subire grossissimi danni anche a livello economico. Già adesso, fiamme e una densa colonna di fumo nero, segno di automobili e cassonetti bruciati, stanno inglobando la città: ciò che è successo stamattina si sta trasformando in un vero e proprio campo di battaglia tra studenti, manifestanti e forze di polizia.