Rooney Mara sarà la protagonista del prossimo film di Steven Soderbergh, “Side effect”, thriller psicologico dove una donna comincia a fare uso massiccio di psicofarmaci per affrontare ansia e depressione per l’uscita dal carcere del marito. Con effetti collaterali imprevedibili.

Rooney Mara è saltata al centro dell’attenzione di registi e produttori, tra cui appunto Steven Soderbergh, dopo il suo ruolo di co-protagonista di “Millennium – Uomini che odiano le donne”, che le è valsa anche una nomination agli Oscar. Da allora le sono stati proposti molti ruoli da protagonista, e il primo che ha accettato è quello di Emily Hawkins in “Side effects”.

Galleria di immagini: Rooney Mara

Per il suo film Soderbergh ha scelto un cast di stelle del cinema, tra cui Jude Law, Catherine Zeta-Jones e Channing Tatum (“Step Up”).

Law sarà lo psichiatra di Mara, che in questa produzione ha preso il posto di Blake Lively, e il regista non doveva avere le idee molto chiare per la sua protagonista perché due attrici così diverse difficilmente si possono immaginare.

Rooney intanto è in giro per la promozione di “Millennium”, dopo Roma ora è in Giappone, le riprese del film di Soderbergh inizieranno ad aprile. La sceneggiatura è stata affidata a Scott Z. Burns, che ha già scritto “The bourne ultimatum”, “The informant” e “Contagion“, entrambi di nuovo in coppia con Soderbergh, dando già quindi un’idea di quello che ci sarà da aspettarsi da “Side effects”.

Fonte: Deadline