Dopo le critiche a Massimo D’Alema, accusato di tradire la “tradizione comunista” per le sua vacanza di cachemire a Saint Moritz, Alfonso Signorini torna a generare fitte polemiche politiche. Il padrone del salotto di Kalispera ha infatti ospitato Ruby Rubacuori, la protagonista dello scandalo escort che ha coinvolto il Presidente del Consiglio Silvio Berlusconi.

Karima El Mahroug, così come ha voluto farsi chiamare la giovane per discostarsi dai recenti fatti di cronaca, entra in scena poco dopo Rocco Siffredi, Pamela Prati e Teo Teocoli. L’intervista inizia con un lungo racconto inerente alla repressione in Marocco, mentre in sovraimpressione un messaggio insistente informa i telespettatori della discussione dello “scandalo intercettazioni“. Questo perché, come si vedrà più avanti, le domande di Signorini non sono entrate profondamente nel merito della supposta relazione con Berlusconi, bensì si sono soffermate sulla storia di vita della ragazza e sulla difficoltà di convivere con l’esposizione di cui media e giornalisti sarebbero responsabili.

Ruby inizia quindi a parlare del Marocco, dove le veniva vietato di andare al mare o di sciogliersi i capelli, della violenza sessuale dagli zii subita a 9 anni e infine dell’arrivo in Italia, ospite di un padre molto violento. Decisa a 12 anni di convertirsi al Cattolicesimo, viene punita dai genitori con l’olio bollente e, per questo, all’ennesima lite con il padre Ruby viene cacciata di casa. È costretta, di conseguenza, a passare parte dell’adolescenza mantenendosi con piccoli reati.

Incalzata da Signorini e dopo aver pianto ricordando il suo passato, Karima ammette di inventarsi delle realtà alternative fittizie per sfuggire al dolore interiore della propria violenza. Racconta di non aver mai ammesso alle amiche di essere marocchina, di mentire sulla reale condizione della sua famiglia e, senza sorprese per il pubblico, di presentarsi ai nuovi conoscenti come molto più adulta rispetto alla sua reale età anagrafica.

Verso la fine dell’intervista, il padrone di casa Kalispera accenna alla vicenda che la vede coinvolta con Silvio Berlusconi. La giovane sostiene di essere stata portata a sua insaputa da un’amica alla residenza del leader del PDL, per partecipare a una delle tante cene di cui tanto si parla in questi giorni. Qui Berlusconi avrebbe ascoltato la sua difficile storia di vita con vivida attenzione, addirittura “meglio degli psicologi” che l’han seguita negli anni e, una volta terminata la serata, il Premier le avrebbe donato una busta. Tornata in auto, Ruby scopre ben 7.000 euro in questa missiva presidenziale: una cifra che, secondo quanto affermato, le sarebbe stata regalata per completare gli studi. Karima sottolinea, inoltre, di non aver mai subito avances sessuale dal Presidente e di non essere mai rimasta per tre notti di fila ad Arcore, nonostante la geolocalizzazione del suo cellulare sembrerebbe indicarne il contrario.

In merito alle intercettazioni che la vedrebbero colpevole di aver ricattato Berlusconi con la richiesta di 5 milioni di euro in cambio del proprio silenzio, la Rubacuori nega una simile possibilità, sostenendo di non essere a conoscenza dei dettagli delle indagini della magistratura perché non ancora convocata per ascoltare le registrazioni telefoniche sul suo conto. Come ormai tradizione per le vicende che coinvolgono il Presidente del Consiglio, segue quindi un’accusa ai PM e ai giornalisti che, a quanto emerso, meriterebbero di essere indagati al pari del Premier per aver violato la privacy della ragazza pubblicando le foto di Facebook e rilanciando accuse infamanti.

L’intervento si conclude, infine, con la presentazione del suo fidanzato Luca e con un omaggio musicale da parte delle vallette di Signorini. Una testimonianza televisiva che, di fatto, si pone in contrapposizione con le indiscrezioni emerse sui giornali tra cui le intercettazioni che, invece, sembrano essere schiaccianti. Lasciamo ai lettori, perciò, l’onere di stabilire quale delle versioni emerse sia la veritiera. L’unica certezza è questa immagine inedita di Ruby, che mai era emersa prima dell’ospitata di Signorini. Dopo di lei, si torna quindi agli argomenti leggeri, alimentati dalla verve della Pampanini e dalle canzoni di Wilma De Angelis.