È la notizia del momento: Ruby Rubacuori sarà nel Salento per una serata. Niente di che, in realtà, da quando si è resa famosa per essere legata a un presunto reato di concussione da parte del Premier Silvio Berlusconi, Ruby ne ha fatte di serate in discoteche e locali in tutta Italia.

Stavolta però è diverso. Diverso perché raggiunge una piccola città, Maglie, al centro del Salento, celebre per una serie di artisti e letterati anche a livello mondiale (uno degli ispanisti più importanti al mondo, Oreste Macrì, nacque proprio in questo luogo), ma famosa anche per aver dato i natali allo statista Aldo Moro ed essere la città dell’attuale ministro per gli Affari Regionali Raffaele Fitto, nel governo di Silvio Berlusconi.

Galleria di immagini: Le donne di Silvio Berlusconi

Il luogo che ospita il locale in cui sarà Ruby è uno dei più belli, dato è situato in un ala di palazzo Tamborino Frisari (ora palazzo Aprile), chiamato anche palazzo arabesco per via dell’architettura e le decorazioni particolarissime.

E naturalmente si è innescata una polemica senza fine: Ruby nella città di colui che è considerato uno dei delfini di Berlusconi? Così, a scagliarsi contro l’idea del ristoratore, molto amico a suo dire di Lele Mora (che chiama zio Lele) e Fabrizio Corona di portare la ex prostituta nella cittadina, è stato proprio il sindaco Antonio Fitto, zio del ministro:

“È una trovata che può tornare utile per lanciare un locale, niente di più. E comunque la cosa non gratifica certo la città. Penso che i magliesi rimarranno indifferenti, perché questo non è motivo di vanto se si pensa che nel palazzo dei Tamborino Frisari fu ospitato re Vittorio Emanuele III. In quella occasione tanti artigiani del posto ebbero modo di mostrare il loro operato diventando poi fornitori della Real casa. Quella sì che fu una grande operazione di marketing.”

Non sarebbe la prima volta che Ruby non viene ben accolta in qualche cittadina: probabilmente, nonostante tutto quello che guadagna, non è certo un merito essere coinvolta in un sexgate. Le notizie sul cachet sono discordanti, oscillano tra i 10mila ai 20mila euro e, peraltro, pare che la marocchina sia attesa in un bar del centro per un aperitivo a base di ostriche e prosecco.