Guai in arrivo per i Brands. L’assalto di Russell Brand ai paparazzi lo scorso venerdì potrebbe fargli rischiare una condanna e quindi l’espulsione dagli Stati Uniti. Proprio adesso che Russell ha lanciato la sua carriera hollywoodiana e che fervono i preparativi di matrimonio.

Lo scorso venerdì Russell Brand è stato arrestato all’aeroporto di Los Angeles per aver aggredito dei paparazzi. A suo dire uno in particolare, Marcello Volpe, stava cercando di scattare fotografie alla fidanzata, Katy Perry, da sotto il vestito. Il paparazzo avrebbe riportato delle contusioni all’occhio sinistro.

Il processo che si aprirà a ottobre potrebbe portare a una condanna per crimine aggravato. E secondo le parole di un rappresentante dell’Ufficio statunitense dei Servizi ai cittadini e per l’immigrazione:

Ogni tipo di condanna criminale potrebbe portare alla revoca del visto. E se il visto è revocato, la persona dovrà affrontare i procedimenti per l’espulsione, gli verrebbe chiesto di lasciare il Paese e di non tornare.

Sarebbe un brutto colpo per il comico inglese e la fidanzata americana se questo dovesse succedere. Non solo per la carriera di lui, ma anche se i due avessero deciso di vivere negli States.

La coppia, che sempre secondo il Daily Mirror avrebbe programmato le nozze per il mese prossimo, sarebbe nel pieno dei preparativi. Un’espulsione adesso potrebbe diventare un problema notevole.