Dopo aver lavorato a stretto contatto con Gabriel Garko nella fiction “Caldo criminale”, Sabrina Ferilli è rimasta senza parole: alle italiane racconta che l’attore è talmente bello da sembrare finto.

Quando ha visto il corpo perfetto di Garko, la Ferilli si è quasi imbarazzata. Lei stessa ha raccontato di essersi sentita a disagio vedendo Gabriel in costume:

Sembra perfino finto, tanto è troppo. Troppo bello, sfacciatamente. Ricordo una scena con lui in costume, non mi voltavo per paura di vederlo. Quella imbarazzata ero io. “Copriti”, gli suggerivo. Ci metti un po’ per capire che è vero. Questo ti preserva da ogni possibile caduta, cedimento. Può darsi che a film finito ti tendi conto che lui non è reale: è un avatar. Che Dio benedica Garko e gli italiani. Concludiamo così!

E se da un lato la bellezza di Garko è spiazzante, dall’altro bisogna anche dire che “oltre alle gambe c’è di più”: è anche molto intelligente, con un carattere armonioso e cordiale. Queste sono state le impressioni dell’attrice romana, la quale non avrebbe problemi a ripetere l’esperienza di lavoro in un’altra fiction:

Mi sono trovata benissimo con lui. È stata una grande sorpresa. Gabriel è un ragazzo straordinario, al di là del fascino. Lavorare con lui è stato un privilegio e uno spasso. Molti pensano che i belli siano degli sciocchini. Invece sono convinta che il bello sia sinonimo di armonia, di intelligenza, di garbo e bellezza interiore. In lui trovi tutto questo. Una piacevole, doppia, sorpresa.

Chissà se Manuela Arcuri e Serena Autieri hanno avuto la stessa reazione della Ferilli nel vedere il fisico scolpito di Gabriel Garko.