Dopo la fine di tutte le festività, il momento più atteso da tutti è quello dell’inizio dei saldi invernali che, eccezionalmente per il 2015, inizieranno in anticipo. Anche la conferenza Stato Regioni ha dato il parere positivo al via libero anticipato dopo che nei giorni scorsi l’assessore regionale al Commercio, Turismo e Terziario, Mario Parolini, aveva annunciato la notizia affermando che la data d’inizio è fissata per il 3 gennaio. Ora il nuovo indirizzo deve essere fatto dalle regioni che devono fare una delibera ad hoc.

Questo per andare incontro anche a tutti i commercianti che anche nel 2014 hanno avuto difficoltà nelle vendite, anche perché quest’anno il giorno dell’Epifania cade di lunedì e quindi avrebbe portato nei negozi un minor flusso di compratori rispetto al tipico fine settimana. Una scelta non casuale anche perché, per molti lavoratori e studenti, sabato 3 gennaio è ancora giorno di vacanza e ferie. Queste le parole dell’assessore Parolini “Quest’anno la stagione dei saldi inizierà sabato 3 gennaio. Abbiamo accolto prontamente la richiesta delle associazioni di categoria per confermare la nostra vicinanza e per sostenere il comparto in questo momento di preoccupante contrazione dei consumi” continuando “La delibera che ufficializza la data di inizio saldi verrà presentata durante la seduta di Giunta di venerdì prossimo, 19 dicembre, e consentirà agli operatori di iniziare eccezionalmente le vendite di fine stagione da sabato 3 gennaio, anziché al primo giorno feriale antecedente l’Epifania, che, cadendo quest’anno nella giornata di lunedì 5 avrebbe privato gli esercenti delle potenzialità di vendita e di afflusso clienti propri del fine settimana”.

La data non è stata riservata esclusivamente alla Lombardia perché, a quanto pare, sarebbe estesa anche a tutte le altre regioni del Bel Paese che avrebbero accolto favorevolmente la proposta dando la loro disponibilità. In Toscana e Veneto, per esempio, i saldi cominceranno anche loro il primo week end di gennaio per terminare 60 giorni dopo, il 3 marzo 2015. Basilicata e Campania, invece, daranno il via ai saldi il 2 gennaio. Come per quelli estivi, i saldi invernali presentano una grande opportunità “per il rilancio della domanda, senza che questo incida negativamente nel rapporto tra esercente e acquirente, che deve essere improntato al rispetto del quadro normativo attualmente in vigore”. Una buona notizia, quindi, ma bisogna sempre fare attenzione: sono molti i commercianti “furbetti” che non rispettano le regole e cercano di ingannare i clienti esponendo etichette errate, cambiando il prezzo.

Foto: hand holding shopping bags and one credit cards – Shutterstock