Attenzione al buon utilizzo dei farmaci per il bambino, soprattutto se neonato, perché lui ha una diversa reazione ai farmaci rispetto all’adulto.

Non somministrare mai al tuo bambino farmaci di tua iniziativa, senza il consiglio del pediatra. Unica eccezione può essere la somministrazione di un antipiretico a patto che tu ne conosca bene il dosaggio. Solo il tuo pediatra potrà consigliarti se è necessario usare un farmaco ed indicarti quale. Presta particolare attenzione alla posologia e alla corretta somministrazione. Usare male i farmaci può essere pericoloso: alto dosaggio, intervallo troppo breve tra le somministrazioni, preparati non idonei all’età del bambino o poco studiati nei piccoli.

Quando si fa la prescrizione

Se il pediatra prescrive un farmaco, prima di lasciare lo studio medico è utile chiarire alcuni aspetti a proposito della cura prescritta:

*A che cosa serve esattamente?

*Può creare problemi con altri farmaci, compresi rimedi naturali o quelli omeopatici che il bambino sta assumendo?

*Quante volte al giorno bisogna assumerlo? Prima o dopo i pasti?

*Per quanto tempo lo si deve somministrare?

*Come comportarsi se si dimentica una dose?

*Dopo quanto tempo il farmaco comincia ad agire?

*Quali sono gli effetti collaterali?

*Si può smettere l’assunzione se il piccolo sta meglio?

I farmaci più usati: per febbre e dolore

È importante ricordare che la febbre non è una malattia da curare. A volte il bambino non sembra neppure infastidito dalla febbre e continua a giocare e a mangiare normalmente. In questo caso non bisogna somministrare alcun antipiretico, mentre saranno sufficienti solo un po’ di riposo e un maggiore apporto di liquidi. Il pediatra sarà consigliarti in proposito. Quando invece la febbre crea disagi al bambino, lo rende irritabile e dolorante, allora potrà essere utile usare un antifebbrile.

È importante sottolineare che i farmaci per la febbre non sono dei curativi, ma solo dei sintomatici. Alleviano solo i disturbi provocati dalla febbre oltre che eventuali dolori. I farmaci per la febbre che sono risultati efficaci e ben studiati nei bambini sono tre: il paracetamolo, l’ibuprofene e l’acido acetilsalicilico. I primi due sono da preferire al terzo in quanto sono i più sicuri. L’acido acetilsalicilico (l’aspirina), infatti, trova una forte controindicazione in caso di alcune malattie virali, come la varicella, oltre al fatto che può provocare effetti collaterali e la sindrome di Reye. Per questo è consigliabile non usarla fino ai vent’anni.