Piccoli flash su eventuali problemi o sui possibili accorgimenti da adottare nel corso dei nove mesi di attesa.

Non capita di rado che una mamma in attesa scopra di portare in grembo due gemelli. La reazione è diversa da mamma a mamma: chi ne resta disorientata e chi, invece, accetta il doppio evento perché non può fare diversamente e si prepara ad accogliere i nuovi arrivati con la gioia normale in tutte le mamme.

Comunque, è meglio che la futura mamma di due bambini in un sol colpo sia consapevole dei cambiamenti che avvengono nel suo organismo in caso di parto gemellare. Deve sapere, infatti, che l’organo che si trova a svolgere un lavoro supplementare è il fegato, per un normale processo di diversa e più faticosa elaborazione di zuccheri, grassi e proteine nella gravidanza gemellare. Pensiamo, quindi, che debba tener d’occhio la sua funzionalità epatica.

Un altro cambiamento legato allo stato di gravidanza è la comparsa sul seno di sottili venature azzurre verso il terzo-quarto mese di gravidanza. Non è comunque un cambiamento che desta preoccupazioni, in quanto sono soltanto l’effetto di un aumento del circolo del sangue. Sono, quindi, soltanto vene superficiali.

Passiamo ora all’alimentazione quando si è in dolce attesa. La futura mamma, in questo periodo, deve rispondere non solo al suo fabbisogno nutrizionale, ma anche ad un’aumentata richiesta dei due bambini che porta in grembo. Sarebbe opportuno, quindi, che integrasse un’adeguata alimentazione e l’assunzione di determinati cibi con una vitamina del gruppo B che favorisce il corretto sviluppo del feto: è la biotina.

La biotina è una sostanza che agisce sulla funzione e sulla crescita delle cellule e andrebbe assunta anche in caso di gravidanza normale, non solo gemellare. Tuttavia, la nostra non è un’indicazione che sostituisce il medico. È sempre opportuno rivolgersi al proprio medico di fiducia anche quando si è in attesa, per avere una guida sicura e professionale. Questo sempre in ogni caso di gravidanza, non solo in caso di parto gemellare.

Un altro aspetto dell’alimentazione, non solo per la gravidanza gemellare ma in tutti i casi di gravidanza, è l’assunzione di dolcificanti. Diciamo subito che è meglio evitarli: l’aspartame mette a rischio il feto. Meglio, quindi, gli zuccheri naturali.