Gravidanza, cura dei neonati, allattamento, problemi ginecologici, chi più ne ha più ne metta. Questi sono solo alcuni degli argomenti riguardo ai quali le donne setacciano Internet spremendolo come un limone, ricercando consulenze, pareri medici e di chi ci è già passato. Sembra proprio che il Web definitivamente soppiantato il medico in carne e ossa.

Certo è più immediato, meno costoso, evita inutili attese e ci da la risposta che vogliamo in un nanosecondo. Le esponenti del sesso debole si rivolgono sempre di più ai portali medici per ricevere vere e proprie consulenze online, almeno stando a quanto afferma uno studio condotto dalla “Queensland University of Technology” in Australia.

Vi è la necessità di avere un punto di riferimento affidabile su Internet. ?Il nostro studio, e altri, hanno notato che le donne selezionano e confrontano le fonti e poi valutano le informazioni con familiari e amici, nonché i loro medici. Un tempo, si andava dal proprio medico per ottenere un parere o un insieme di consigli e basta. Ora, le donne sono alla ricerca di diverse opzioni quando si tratta di prendere decisioni sulla salute.

Ecco come spiega questo fenomeno la docente Julie-Anne Carroll, che sottolinea come le informazioni vengano poi condivise con amici, familiari, se non con il dottore stesso. Pare che anche i social network facciano la loro parte, specialmente quando si tratta di informare e sostenere la lotta a determinate malattie.

Ma come essere sicuri di ciò che si legge su Internet? È sempre la Carroll a offrire una soluzione semplice: far si che la maggior parte dei medici sia presente anche nel cyberspazio, a disposizione dei pazienti per consulenze virtuali. Senza considerare che, spesso, molte donne non si recano dal medico per vergogna, imbarazzate da un problema magari intimo o comunque difficile da esporre. Ecco, il medico in rete eliminerebbe anche questo inconveniente.