Raffreddori, influenza e alimentazione. Se il tuo bambino è raffreddato, o ha l’influenza, dovrebbe mangiare poco e spesso, ma soprattutto bere molti liquidi, che danno sollievo alla gola arrossata, prevengono la disidratazione e potrebbero anche contribuire ad abbassare la febbre. In genere al bambino si dà il brodo di pollo, perché gli fornisce i nutrienti che perde a causa del raffreddore, ma va bene qualunque liquido caldo.

E se lo porti fuori anche se fa molto freddo, per evitare raffreddore e influenza cerca di coprirlo bene. Recenti studi hanno scoperto che il freddo eccessivo potrebbe aumentare le probabilità di prendere un raffreddore, perché sentire freddo può ridurre le difese immunitarie del suo organismo.

La displasia congenita dell’anca

È uno sviluppo anomalo dell’articolazione coxo-femorale, che tende a lussarsi. Se si sospetta l’esistenza di questo problema, verso i due mesi è consigliabile la prevenzione mediante uno screening ecografico, che facilita la terapia in caso di anomalie. Verso i sei mesi si procede ad un altro controllo del bambino, per appurare il corretto sviluppo delle ossa nella zona dell’articolazione coxo-femorale. L’esame non comporta dolore.

I farmaci da banco, quanto sono sicuri?

Dagli Stati Uniti alcuni esperti comunicano che diversi farmaci da banco per la cura della tosse e del raffreddore potrebbero essere pericolosi per i bambini con meno di due anni, se non si rispettano le istruzioni allegate. In realtà i bambini monitorati si trovavano in una situazione di emergenza e perciò avevano ricevuto troppe medicine senza un adeguato controllo. Cioè erano stati loro somministrati, insieme, decongestionanti e medicine per la tosse.

Pertanto, tu cerca di seguire delle regole per evitare problemi. Innanzitutto tieni le medicine fuori dalla portata del tuo bambino; poi rispetta le dosi e gli orari delle medicine nell’arco delle 24 ore; ricorda che la medicina deve essere adatta all’età e al peso del tuo bambino; se sei costretta ad usare diverse medicine, controlla che non contengano gli stessi ingredienti. Cerca di usare prodotti che contengano un solo ingrediente. Se non riesci a capire i sintomi del tuo bambino, consulta il pediatra prima di tentare qualsiasi terapia.

La cioccolata per alleviare la tosse

Uno studio effettuato negli Stati Uniti ha accertato che la cioccolata aiuta ad alleviare la tosse del bambino. Gli studiosi sostengono che nella cioccolata, e in particolare in quella scura, è presente la teobromina, un alcaloide che cura la tosse meglio degli sciroppi di uso comune.