Laura Antonelli, icona della commedia sexy all’italiana, torna a far parlar di sé. In realtà a parlare di lei è l’amico Lino Banfi in una lettera aperta sul Corriere della Sera, dove racconta dello stato di degrado in cui è costretta a vivere l’attrice.

“Salviamo Laura Antonelli”: questo è l’appello che Banfi rivolge al Ministro dei Beni Culturali Sandro Bondi. L’attore racconta di aver incontrato da poco Laura e di essersi trovato di fronte una persona irriconoscibile. Le circostanze della vita, non l’hanno aiutata e adesso è una donna abbandonata a se stessa, costretta a vivere con una pensione misera e grazie a doni della parrocchia.

Esiste una norma, la legge Bacchelli, che prevede l’assegnazione di un assegno straordinario a coloro che durante la loro carriera si sono distinti nel mondo della cultura, dello spettacolo, dell’arte e dello sport, ma che attualmente versano in situazioni di indigenza. Banfi fa appello a questa legge con le seguenti parole:

Queste persone hanno rappresentato una parte della storia del cinema e della televisione che tutti abbiamo gradito. Hanno lavorato in questa nazione, hanno guadagnato, hanno pagato le tasse… è giusto finire così? Mi rivolgo anche al presidente del Consiglio, a Berlusconi, che è anche mio amico da più di trent’anni: caro Silvio, per quel poco che credo di conoscerti sono certo che farai qualcosa.

La risposta del Ministro non tarda ad arrivare e a breve sarà varato il riconoscimento della legge Bacchelli a favore di Laura Antonelli.

E Laura? La donna ringrazia l’amico, perché tutto ciò le consentirà di vivere una vita più serena, ma ci tiene a essere lasciata in pace. Laura parla attraverso le parole del suo avvocato Lorenzo Contrada: vorrebbe essere dimenticata, non ha intenzione di rilasciare interviste o essere ripresa, la vita terrena non le interessa più, adesso vive una vita spirituale.

Forse Laura preferisce essere ricordata per quello che è stata: come dimenticare la su interpretazione in Malizia dove impersonava Angela La Barbera, la cameriera musa ispiratrice delle fantasie erotiche degli italiani.