San Valentino è un giorno dedicato anche ai regali tra innamorati. Alcuni, a volte, decidono di regalare un animale, che però finisce inevitabilmente con il diventare presto un abbandono. Così la LAV, lega anti-vivisezione, ha studiato un modo per permettere di regalarsi un cane a San Valentino, ma a distanza.

In cosa consiste questo particolare tipo di adozione? Basta inviare una somma di denaro per il mantenimento dell’animale: la quota può essere annuale o una tantum. In cambio si riceve l’attestato di adozione a distanza e, in itinere, se la cosa dovesse continuare, le foto dell’animale adottato a distanza.

Galleria di immagini: Cani in adozione

I testimonial di questa campagna sono due cagnolini affidati alla LAV, Sam e Yoghi, vittime del poco rispetto che l’uomo riserva ai cani. Sono stati oggetto di abbandoni o maltrattamenti, e stanno affrontando un periodo in cui recuperare la fiducia nel genere umano.

Nella gallery, invece, possiamo vedere alcune foto di cani che possono essere adottati realmente, ma solo se in maniera motivata e responsabile: sono i cani le cui immagini sono diffuse in rete dai volontari de “La combriccola di Sofia” e possono essere disponibili in tutta Italia anche tramite staffette.