Sandra Bullock è stata premiata con l’Oscar come miglior attrice protagonista per il film “The Blind Side”. Per lo stesso ruolo aveva già vinto negli scorsi mesi sia il Golden Globe sia lo Screen Actors Guild Award.

In realtà l’Oscar è stata una vittoria annunciata.

Inaspettato è stato sicuramente il primato che la Bullock ha raggiunto quest’anno: per la prima volta nella storia del cinema, infatti, un’attrice ha vinto sia l’Oscar come miglior attrice dall’Academy, sia quello di peggiore attrice per i Razzie Awards 2010.

I titoli le sono valsi per due film differenti: l’Oscar per il film “The Blind Side”, il Razzie Award per il film “All About Steve“.

Così il 6 marzo la quarantacinquenne attrice americana ha ritirato il premio come peggior attrice dell’anno, mentre il 7 marzo ha sfilato sul red carpet con la statuetta per miglior attrice dell’anno! In un sol giorno la sua performance artistica è completamente cambiata.

Nel film “The Blind Side“, Sandra Bullock interpreta Leigh Anne Tuohy, la madre adottiva di Oher, un adolescente problematico. Il film, scritto e diretto da John Lee Hancock, si basa sul libro “The Blind Side: Evolution of a Game” scritto da Michael Lewis.

L’attrice durante la premiazione ha dedicato il premio a “tutte quelle donne che si occupano di bambini anche se non sono i propri figli”. Inoltre ha aggiunto:

“In genere quelle mamme e quei genitori non vengono mai ringraziati da nessuno. In particolare vorrei ringraziare Helga per non avermi permesso di accettare passaggi dai ragazzi fino a quando non ho compiuto 18 anni; per avermi costretto a esercitarmi al piano e nella danza, mi diceva “se vuoi essere un’artista ti devi esercitare”, e per aver ricordato alle sue figlie che non c’è razza, religione, classe, colore, orientamento sessuale che ci rendono migliori degli altri. Tutti abbiamo bisogno di amore”.

Migliore o peggiore che sia come attrice, Sandra Bullock regala sempre ottime interpretazioni sul grande schermo e raccoglie sempre un buon consenso anche al Box office.