TgCom lancia una petizione affinché Sandra Mondaini e Raimondo Vianello possano riposare in pace insieme per l’eternità, vicini come lo sono stati nella vita e nell’arte dal momento in cui si sono conosciuti. La petizione ha raccolto sinora tremila firme.

Sandra Mondaini sarà sepolta nel cimitero di Lambrate, mentre Raimondo Vianello si trova attualmente a Roma, al Verano nella tomba di famiglia. Secondo le disposizioni del prestigioso cimitero romano, si diceva che nessuno che non si chiami Vianello possa essere sepolto in quella tomba.

Si diceva, almeno prima del comunicato dei gestori del cimitero, per cui:

Non esiste alcun impedimento burocratico alla tumulazione di Sandra Mondaini nella tomba della famiglia Vianello al Cimitero monumentale del Verano. Per la tumulazione della salma, è necessaria soltanto l’espressa volontà sia da parte degli eredi di Raimondo Vianello sia da parte dei parenti consanguinei di Sandra Mondaini. Si precisa a questo riguardo che, al momento, agli uffici amministrativi dei Cimiteri capitolini – Ama non è giunta alcuna richiesta di tumulazione della salma di Sandra Mondaini nel Cimitero monumentale del Verano.

Così le ceneri di Sandra riposeranno nell’immediato futuro accanto alle spoglie della propria madre, in una piccola tomba a colombaia a due passi dalla tangenziale. Anche perché pare sia stata proprio questa la volontà della Mondaini: i filippini sembra siano irremovibili su questo punto.

Intanto, anche il sindaco di Milano Letizia Moratti si mobilita per i due indimenticabili comici:

Sandra e Raimondo uniti insieme al Famedio, il pantheon dei cittadini illustri milanesi, se la famiglia lo vorrà. Lì riposano uomini di grande spessore culturale e civile, personalità nei vari settori, è un po’ lo specchio della nostra società, e io credo che Raimondo e Sandra siano un bellissimo esempio per i giovani. Un esempio positivo di famiglia serena, ma capace anche di bisticciare? Una famiglia normale. Di loro ho il ricordo di una gentilezza e di una simpatia che attraverso la televisione entravano nel cuore.