Il Festival della Canzone Italiana, da un po’ di tempo a questa parte, non è solo una gara di brani musicali ma anche un’occasione per stupire il pubblico con effetti scenografici speciali. Già lo scorso anno, gli effetti speciali hanno accompagnato la kermesse sanremese. Ma in questa edizione del Festival, i tecnici delle scenografie vogliono strafare, approcciando un sistema tale da rendere quasi tridimensionale la visione per i telespettatori.

Galleria di immagini: scenografie sanremo

A parlare è l’architetto Gaetano Castelli, che ha illustrato la sua idea per rendere più accattivante il Festival di Sanremo:

“Lo scorso anno avevamo dato spazio alle magie rese possibili dalle macchine della scenotecnica. Quest’anno ripartiremo da lì per proporre altre sorprese, per stupire i telespettatori e dar loro la sensazione di vivere il Festival come se fossero in teatro, grazie ad esempio all’effetto 3D dei ledwall utilizzati sul fondo e al movimento delle macchine sceniche.”

E per garantire uno spettacolo senza pari, Castelli ha pensato di “nascondere” i cantanti e i conduttori. Insomma, una costosa scenografia che tenga incollati gli occhi degli spettatori al teleschermo:

“Ho voluto togliere punti di riferimento, creare soluzioni diverse e spettacolari per far apparire, come in un gioco di prestigio letteralmente teatrale, i protagonisti del Festival: un modo per sottolinearne l’unicità ma anche per creare ulteriore motivo di spettacolo. Cosi come, ad esempio, la spirale che domina la scenografia e che ricorda lo snodarsi di una strada vuole essere un omaggio a quella grande strada della musica che è Sanremo e, insieme, alla… passione per la corsa di Gianni Morandi, al quale mi lega un’antica amicizia”.

Questa è l’ennesima prova che la Rai punta molto sul Festival di Sanremo, preparando accuratamente l’evento in modo che possa colpire lo spettatore da un punto di vista visivo oltre che da quello musicale.