Sanremo 2012: Arisa vince tutto. No, il Festival della Canzone Italiana non è ancora finito, anzi la gara è addirittura stata sospesa a causa di un disguido tecnico che ha impedito la definizione degli eliminati. Ma il popolo della Rete ha già decretato la canzone migliore.

Arisa porta a Sanremo il brano “La Notte” e ottiene subito la simpatia di Twitter, il social network protagonista ieri dei commenti più disparati sulla kermesse canora.

Galleria di immagini: Sanremo 2012 prima serata

Sarà forse il traino del successo di X-Factor su SKY, dove Arisa ha partecipato in veste di giudice, oppure il fatto che la quasi totalità delle canzoni in gara risultino particolarmente deboli rispetto alle aspettative della vigilia, fatto sta che Rosaria Pippa ha portato una piccola ventata di magia a una serata a dir poco estenuante.

Estenuante perché dai ritmi troppo lenti, confusionaria, poco appassionante: è questo il giudizio dei social network, in particolare proprio del microblogging. L’intervento di Adriano Celentano, ad esempio, è stato completamente bocciato dalla Rete: troppo lungo, troppi argomenti nel calderone, troppa autocelebrazione. Non è infatti un caso che il commento più frequente sull’hashtag #sanremo sia stato proprio un poco fraintendibile “Ma basta”.

E meglio non è andata agli altri artisti in gara: Internet non ha particolarmente gradito la deriva religiosa dei brani di quest’anno, dove gran parte dei cantanti si appellano – in un modo o nell’altro – a Dio nei propri testi, così come non è stata nemmeno apprezzata la svolta “proletaria” di Emma Marrone che, nonostante rimanga la favorita dai bookmaker, non è stata accettata come simbolo di giovani precari e lavoratori in difficoltà. Suscita ilarità generalizzata la mise della cantante dei Matia Bazar, l’improbabile duetto tra Gigi D’Alessio e Loredana Berté così come la svolta capelluta di Pierdavide Carone. Raggiunge la sufficienza Nina Zilli, anche se Twitter non pare apprezzare troppo il suo ibrido tra Mina e Amy Winehouse.

Fonte: Twitter (Sanremo) – (Arisa)