Crisi economica, comincia il Festival di Sanremo ed è subito lotta all’evasione fiscale: ieri, a poche ore dall’inizio della kermesse canora tutta italiana, la Guardia di Finanza ha cominciato a ispezionare gli esercizi commerciali del centro di Sanremo, che in questi giorni è gremito di spettatori del Festival.

A detta delle Fiamme Gialle, non si tratterebbe di un blitz come nel caso di Cortina d’Ampezzo e Milano, bensì dei soliti controlli annuali nella città dei fiori.

Galleria di immagini: Evasione fiscale: Cortina d'Ampezzo e Guardia di Finanza

Come ogni anno, infatti, in occasione del Festival di Saremo arrivano nella cittadina ligure spettatori da tutta l’Italia: alcune pattuglie si sono concentrate nei controlli al centro di Sanremo, controllando scontrini fiscali e ricevute emesse dagli esercizi commerciali come bar, ristoranti e alberghi.

Sono trenta gli agenti della Finanza che invece hanno svolto un servizio speciale di sorveglianza al teatro Ariston mentre nella zona centrale, che interessa anche il Casinò di Sanremo, si svolgevano i controlli di routine a opera delle altre pattuglie delle Fiamme Gialle.

Insomma, il Festival di Sanremo non è solo un’occasione per fare spettacolo o esaltare la musica italiana: per l’economia ligure è soprattutto un’occasione per accrescere i ricavi e come tale va controllata e tassata da parte dello Stato Italiano.

Fonte: Sky TG24