Esattamente come lo scorso anno, anche su questa edizione del Festival di Sanremo ci sono dei sospetti sulla censura dei brani: in particolare, pare sia stato censurato il brano “Tre colori” di Francesco Tricarico.

Come ha dichiarato Massimo Giletti a L’Arena, il brano avrebbe dovuto intitolarsi “La nebbia”. Il titolo, e parte del testo di Fausto Mesolella degli Avion Travel, sarebbero stati però modificati.

La motivazione di questa scelta sta nel fatto che il brano avrebbe portato non poche polemiche provenienti dal partito Lega Nord. Nel testo, si parlava della “bandiera verde”, un riferimento quasi esplicito al Carroccio:

Quelli nella nebbia hanno la bandiera verde, la nostra tre colori ha […]

Per evitare fraintendimenti, il testo che sarà presentato al Teatro Ariston sarebbe stato modificato aggiungendo anche una descrizione degli altri due colori della bandiera italiana:

quelli nel confine hanno la bandiera rossa, quelli sul monte hanno la bandiera bianca […]

Lo scorso anno, a finire nella lista dei brani censurati fu “La verità” di Povia, che inizialmente doveva essere dedicata alla storia Eluana Englaro: nel testo ufficiale, infatti, furono eliminate tutte le espressioni o le parole che potessero ricondurre al caso di cronaca italiana.