Proprio all’alba della famosa “settimana sanremese” arrivano le prime polemiche sulle modalità di voto del vincitore del Festival di Sanremo.

Come ogni anno, nella cerchia dei giornalisti si comincia già a scommettere sul cavallo vincente, mentre c’è chi dichiara di conoscere il nome del vincitore della 61ma edizione del Festival della Canzone Italiana.

Galleria di immagini: Concorrenti Sanremo 2011

Massimo Giletti, il conduttore de “L’Arena”, ha infatti incentrato buona parte della puntata domenicale sui cosiddetti vincitori annunciati: in molte delle edizioni passate del Festival di Sanremo, la critica musicale, le radio e i giornali hanno contribuito molto spesso alla vittoria di un cantante influenzando il televoto.

Non sempre la canzone più amata vince il Festival: è il caso di “Ricomincio da qui”, il brano di Malika Ayane che fu giudicato vincitore dall’Orchestra ma non altrettanto premiato dal pubblico a casa.

Tra i nomi in lizza per la vittoria di Sanremo spuntano Emma Marrone coi Modà e il cantautore Roberto Vecchioni. Giletti ha chiesto loro cosa pensassero delle critiche ricevute dai giornalisti.

Il professore della musica italiana, con l’eleganza che lo contraddistingue in ogni occasione, ha mostrato il suo disinteresse totale nei confronti della carta stampata: il suo obiettivo è solo quello di lanciare un messaggio forte agli italiani.

La cantante proveniente da Amici, invece, ha risposto alle accuse di Mario Luzzatto Fegiz spiegando che lei non è il “prodotto” di un talent show, ma una persona che ha utilizzato la televisione per esprimere tutto il suo talento.

Non è detto che la vittoria sia già nelle mani degli ex-concorrenti di reality e talent: in una telefonata in diretta, il direttore artistico Gianmarco Mazzi ha confermato le nuove regole per il televoto del Festival. Il voto dell’orchestra e della giuria demografica sarà molto più importante rispetto alle passate edizioni: ci saranno infatti due classifiche di gradimento di partenza per i cantanti in gara e le scelte finali saranno messe nelle mani della critica giornalistica e del pubblico a casa.