Sara Tommasi è in un ospedale per riprendersi dalla depressione. È questa la notizia diffusa attraverso la sua pagina Facebook, dove lei stessa annunciava di essere andata in rehab o in clinica. Ma a quanto pare si tratterebbe invece di un trattamento sanitario obbligatorio, un avvenimento che ha gettato nello sconforto i fan, sollevati solo dal fatto che la soubrette pare che ora stia molto meglio.

Galleria di immagini: Sara Tommasi, l'evoluzione

Pare che Sara Tommasi avesse infatti smesso di nutrirsi, ma ora invece stia mangiando e stia già molto meglio. Da tempo ormai si era preoccupati per la salute della soubrette: la depressione è solo l’ultimo capitolo di una storia che ha dipinto una bellissima giovane molto umana e molto fragile, come ha stigmatizzato sulla propria pagina anche l’onnipresente televisivo Gabriele Paolini, pubblicando una foto in cui la soubrette ha l’aria smunta e sofferente.

Ci si augura che Sara Tommasi si riprenda presto. Anche i detrattori dovranno ammettere che non è certo una bella cosa che una ragazza, un tempo brillante e affascinante bocconiana, venga distrutta dalla depressione, un male che affligge tantissime persone e che lacera dentro spingendo a non amarsi più.

Tuttavia, è voluto intervenire anche l’ex compagno Alfonso Luigi Marra, che in un comunicato a Dagospia ha colpevolizzato la magistratura per aver portato Sara fino al punto del TSO:

«Poche sentite parole ma con la morte nel cuore. Come tutti sapete Sara Tommasi è stata ricoverata in ospedale. Il responsabile della spirale involutiva che ha portato Sara al ricovero coatto è la magistratura, la quale, nonostante le gravi risultanze delle indagini compiute della DIGOS, non ha a fin qui assunto nessuna iniziativa, consentendo così ai sicari di coloro che hanno (stupidamente) voluto annientarla come simbolo della lotta al signoraggio di continuare fino a ieri a sfruttare tracotantemente nelle maniere più orribili il suo malessere psichico infischiandose anche delle continue denunzie della madre.»

Fonte: Zazoom, Donna10.