Con il titolo di “Cash & Carrie” il New York Post ha sbattuto in prima pagina la poco raffinata abitudine di Sarah Jessica Parker di portarsi a casa souvenir dal set.

A pochi giorni dall’uscita di Sex & The City 2, il secondo film tratto dall’omonima serie televisiva che conta ancora su un vasto pubblico di sostenitori, circola questa curiosa notizia sulle stravaganti abitudini della protagonista.

Forse l’interprete della tanto amata Carrie si è identificata troppo con le passioni da fashion victim della protagonista del telefilm, e come lei non ha resistito davanti ad articoli di lusso, abiti e scarpe glam. Tanto che avrebbe rubato ben 24 bicchieri per cocktail tempestati di cristalli Swarovski per un valore totale di 4.680 dollari, un abito di Pucci del valore di 9.000 dollari e stivali italiani firmati René Caovilla, prestati dallo stilista italiano per il film.

Ci si domanda se un’attrice multimilionaria come lei, da 15 milioni di dollari a film, sia improvvisamente inciampata contro il gradino dal cattivo gusto, oppure se la notizia sia una sapiente manovra pubblicitaria per il lancio del sequel del film. O ancora un modo per sviare l’attenzione dall’eccessiva e preoccupante magrezza raggiunta ultimamente dall’attrice. Una cosa è certa, in entrambe i casi, un mossa azzardata.